Carnevalone di Chivasso

A Chivasso il Carnevale, anzi il Carnevalone è di tradizione. Una festa dalle origini antiche che riveste un significato storico.

Nel Quattrocento un gruppo di buontemponi eleggeva, a capo della propria “Società degli Stolti”, l’Abbà che provvedeva ad istituire tasse e balzelli curiosi. Argomentazioni religiose indussero gli affiliati a cambiare costume e a assumere come patrono San Sebastiano: l’Abbà divenne allora titolare di privilegi nei giorni di Carnevale e fino al 1878 mantenne queste prerogative per poi scomparire come figura.

Il 1905 vede la nascita del personaggio femminile caratteristico del Carnevalone di Chivasso. Parliamo della Bela Tolera. L’appellativo traeva le proprie origini da una leggenda legata al campanile, nei tempi antichi rivestito di latta, o forse dallo spirito commerciale, dei chivassesi del tempo.

Oggi il Carnevale presenta i migliori carri, i più vivaci gruppi mascherati, i più spettacolari complessi bandistici e folcloristici che giungono a Chivasso da tutte le province e regioni vicine.
Il corso della città si veste di maschere: un trionfo di colori e coreografie che si snodano tra due enormi ali di folla.

Il tutto è ulteriormente sottolineato dal tradizionale lancio di una enorme quantità di fiori e coriandoli che hanno sostituito ciò che negli anni ’50 e ’60 si utilizzava, ovvero arance e caramelle.

Per ulteriori informazioni sull’affascinante storia del Carnevalone di Chivasso, vi rimandiamo al loro sito.

Tour consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CAPTCHA Image
Reload Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.