Arrivano i primi caldi e con esi le prime fastidiose zanzare. Un po’ in tutta Italia questi fastidiosi insetti fanno sentire la loro insopportabile presenza, sia all’apèerto che al chiuso. La più temuta è la zanzara tigre.
La Zanzara Tigre si è diffusa in tutta Italia in pochissimi anni a partire dal 1990 e in particolare in Emilia Romagna, dove ha trovato condizioni climatiche e ambientali ideali. È un insetto che appartiene all’ordine dei ditteri, genere Aedes e specie albopictus. Il nome di Zanzara Tigre deriva dalle striature bianche che caratterizzano gli esemplari adulti, che hanno dimensioni comprese tra i 4 e i 10 millimetri.

È originaria del sud-est asiatico.  Il suo arrivo in Italia è datato intorno al 1990  quando arrivò una partita di pneumatici per auto usati, nel porto di Genova. Non è un caso quello degli pneumatici, dato che proprio l’acqua piovana che ristagna dentro le carcasse di pneumatici ammassati all’aperto è uno dei microambienti ideali per il deposito delle larve di uova della Tigre e quindi per la sua diffusione ormai inquietante, considerato che questa zanzara può trasmettere all’uomo patogeni e virus come quelli della febbre gialla, dell’encefalite di St. Louis, del dengue e della chikungunya.

Queste zanzare pungono generalmente le gambe degli esseri umani, dato che non volano molto alto e dopo l’iniziale diffusione in ambienti ombreggiati e freschi come le siepi, gli arbusti e l’erba alta di parchi e giardini, da qualche tempo viene segnalata anche in ambienti assolati e privi di verde: come parcheggi di centri commerciali e zone industriali.

Per combatterla è necessario affidarsi a personale specializzato nelle disinfestazioni, ma è molto importante non favorirne la diffusione, attraverso una scrupolosa eliminazione di tutte le cause di ristagno di acqua. Controllare bene tombini di sfogo, sottovasi in giardino o sul balcone; scoli dell’acqua e in genere tutti quei luoghi dove ristagna anche solo poco liquido, ma che è sufficiente per il deposito delle uova. Insomma occorre sapersi difendere dagli attacchi degli insetti, che anche se piccoli possono fare davvero tanto male.

Tour consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CAPTCHA Image
Reload Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.