turismo

Il comparto del  turismo, in Italia, secondo il rapporto del 2009, dimostra la sua solidità di fronte la crisi che ha, invece, messo in ginocchio altri settori. Così afferma il ministro del Turismo, Michela Brambilla, nel corso della conferenza stampa del 28 setembre scorso a Palazzo Chigi.

Nonostante la congiuntura economica, il settore conferma  risultati di tenuta nei primi tre mesi dell’anno; uno dei plus chiave sarebbe stata “la montagna”, la politica promozionale degli hotel, la ripresa del turismo business e commerciale nel nord del Paese.

Riportiamo uno stralcio circa le previsioni per l’autunno
(dati tratti dall’”Indagine sulle prenotazioni/presenze nelle aree turistiche e sui segmenti di prodotto” di
Unioncamere)

Le prenotazioni ricevute a inizio settembre dagli operatori per il successivo trimestre autunnale segnalano un lento recupero sul 2008, con un totale di camere prenotate per ottobre pari al 24,4% di quelle disponibili (-1,6%), del 12,6% per novembre (+0,4%) e del 15,3% già per
dicembre (+2,2%). A portare in rosso il saldo delle prenotazioni per ottobre, in particolare, le strutture ricettive del centro (-6,5%) mentre protagonista dell’autunno sarà il nord ovest del
Paese dove, con la ripresa stagionale del turismo d’affari, le prenotazioni indicano rispetto al 2008 un +0,7% per ottobre, +2,8% per novembre e addirittura +7,5% per dicembre. Il comparto
alberghiero che per ottobre con il 25,6% di camere prenotate non raggiunge ancora le prenotazioni rilevate lo scorso anno (-2,4%) per novembre e dicembre indica, invece, una ripresa rispettivamente pari al +1,3% ed al +3,6%. Più in linea con il 2008 le prenotazioni del
comparto extralberghiero (+0,1% ad ottobre, -0,5% a novembre, +0,8% a dicembre).

In autunno il recupero completo partirà da novembre. Ad ottobre le difficoltà per il settore non sembrano ancora superate. Infatti le prenotazioni nelle città d’arte, prodotto di punta della stagione autunnale, partono con lentezza e non sono in linea con quanto registrato lo scorso
anno. Le destinazioni balneari (quelle che sono aperte fuori stagione) invece registrano prenotazioni maggiori dello scorso anno, così come anche le località di campagna che avevano sofferto maggiormente in estate. Terme e laghi, pur registrando oltre un quarto di camere prenotate sono però ancora lontane dai risultati del 2008.

Ecco il rapporto completo «Il turismo in Italia 2009».

Tour consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CAPTCHA Image
Reload Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.