A Sestola (Modena) si gioca con il cioccolato

cioccolata1.jpgPer i golosi e gli amanti delle leccornie “Giochi di Cioccolato & Croccante” (5-6-7 Ottobre 2007) è diventato un appuntamento imperdibile. La manifestazione dedicata al dolce più amato da grandi e bambini si tiene ogni anno in Ottobre, nel centro storico di Sestola.

Alla kermesse ideata da Marisa Tognarelli partecipano i migliori cioccolatieri italiani.

In programma degustazioni, lezioni multimediali per i bambini, trofei di sculture di cioccolato, concorsi, giochi, animazioni e tanti stand gastronomici.Il cioccolato e il croccante sono i protagonisti di una kermesse che si svolge all’aperto nelle vie e nelle piazze del centro di Sestola, al chiuso nei bar, nelle enoteche e nei ristoranti.
dca07272vcaha1zjtcajo9w24ca3aq9rcca5m2ba9ca2w7goqcaoxrvvycadguq2mcasxkhumca710iuscagbbgrncau9wejqcadv6qq9caicoxhmcavfsd9zca1nf4gkcao6lhmvcaqv3gh4car0t3b5.jpg

Lezioni su come si scolpisce il cioccolato, degustazioni, gare tra maestri pasticceri, cene con menù che prevedono abbinamenti di piatti di cioccolato con aceto balsamico di Modena, funghi porcini e croccante, bambini vestiti da cioccolatini che sfilano per il paese, animazioni e spettacoli nelle vie del centro e il classico assalto del fine settimana alle bancarelle allestite per l’occasione per acquistare cioccolato (fondente, al latte, alle nocciole, ma anche alla cannella, al sesamo, al peperoncino), nonché croccante (alla nocciola, alle mandorle, alle arachidi) e tanti altri prodotti tipici locali.

I “Giochi di cioccolato e croccante” di Sestola attraggono ogni anno un grande pubblico e sono promossi dall’ associazione “Sestola ok”, dalla Provincia di Modena e dal Comune di Sestola con la consulenza tecnica del maestro Danilo Freguja, campione del mondo di arte culinaria, e la collaborazione dell’ideatrice della manifestazione Marisa Tognarelli.

Le migliaia di visitatori previsti per la quinta edizione di questa manifestazione possono usufruire della navetta Sestola Express per giungere in centro dal parcheggio sottostante al borgo dell’Appennino modenese.

Il cioccolato, un approfondimento

Il cioccolato è un dolce diffuso e consumato nel mondo intero derivante dai semi della pianta del cacao. È preparato a partire dal burro di cacao con aggiunta di polvere di semi di cacao, zucchero e altri ingredienti facoltativi, quali il latte, le mandorle, le nocciole o altri aromi.

Il cioccolato viene oggi prodotto nelle forme più svariate; la più comune è la tavoletta, ma, sia industrialmente che artigianalmente, viene modellato in forme diverse, specie in occasione di ricorrenze o festività (o nel corso di eventi particolari come proprio i “Giochi” di Sestola”).

Il cioccolato è anche un ingrediente di svariati dolciumi: gelati, torte, biscotti, budini e altro.Il cioccolato si può considerare fondamentalmente un alimento energetico, ha un’azione di stimolo sul sistema nervoso e sull’appetito.

Uno studio del 2003 promosso dell’Istituto Nazionale Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (Inran) di Roma, sostiene che il cioccolato faccia bene al cuore, per le proprietà antiossidanti.

Da quanto viene asserito da altri studi il cioccolato avrebbe anche un’influenza positiva sull’umore degli esseri umani e aumenterebbe il desiderio sessuale.La pianta del cacao ha origini antichissime e, secondo precise ricerche botaniche si presume che fosse presente più di 6000 anni fa nel Rio delle Amazzoni e nell’Orinoco in sud America. I primi agricoltori che iniziano la coltivazione della pianta del cacao sono i Maya solo intorno al 1000 a.C.

Solo nel 1502 avviene il contatto del cacao con la civiltà europea: Cristoforo Colombo porta con sé alcuni semi di cacao da mostrare a Ferdinando ed Isabella di Spagna.

Nel 1600, attraverso la Toscana, il cacao arriva in Italia per merito del commerciante di Firenze Antonio Carletti. Alla fine del XVIII secolo il primo cioccolatino in forma solida, come lo mangiamo oggi, viene inventato a Torino da Doret mentre la prima tavoletta di cioccolata vien prodotta in Inghilterra.

Nel 1875 fa la sua comparsa in Svizzera il cioccolato al latte e il fabbricante per alimenti per l’infanzia Henry Nestlé ne fa un prodotto a più lunga conservazione.

Nel 1946 Pietro Ferrero inventa una crema di cioccolato e nocciole che chiama Pasta Gianduja con l’intenzione di venderne qualche chilo ai pasticcieri di Alba: il prodotto ha un successo superiore a ogni aspettativa e qualche anno dopo, nel 1964, nasce la Nutella, che diviene popolare in tutto il mondo.

Come arrivarcisestola.jpg

Per raggiungere Sestola in auto :
– da Nord Autostrada A1 (uscita Modena Sud oppure Bologna Casalecchio), poi Vignola, strada Fondovalle, Fanano, Sestola, Montecreto, Riolunato;
– da Sud Autostrada Firenze Mare (uscita Lucca), poi Abetone, Riolunato, Montecreto, Sestola; oppure uscita Pistoia, Porretta, Silla, Fanano, Sestola.

Percorso consigliato con il pullman :
– per Fanano-Sestola-Montecreto : Autostrada A1 (uscita Modena Sud) poi Vignola, Strada Fondovalle, Fanano, Sestola, Montecreto;
– per Riolunato : Autostrada Firenze Mare (uscita Pistoia) poi Abetone, Pievepelago, Riolunato.

In aereo :
-Aeroporto di Bologna 80 Km
-Aeroporto di Firenze 100 Km.
In treno :
-Stazione di Modena 70 Km. Proseguire con Autobus di linea ATCM.

maggiori informazioni sul sito del Comune: http://www.comune.sestola.mo.it/

Tour consigliati