Giorgio Morandi ritorna a settembre nella sua casa di Bologna

E’ stata aperta al pubblico, anche se per un breve periodo,  qualche settimana fa l’abitazione che fu del grande pittore e artista bolognese Giorgio Morandi in via Fondazza 36  nel capoluogo emiliano. E’ infatti tuttora in corso un’accurata operazione di restauro filologico della casa dell’artista, volta a ripristinare le principali caratteristiche che fecero di Morandi un genio dell’arte moderna.
Nell’ambito della recente mostra ArteFiera, è stata allestita proprio nei padiglioni fieristici della Fiera di Bologna una importante mostra antologica. Nella sua casa è stato recuperato, con una sapiente opera di restuaro e soprattutto con un fedelissimo ripristino delle situazioni originarie, lo studio dell’artista: la stanza più luminosa dove Morandi dormiva e lavorava, ricostruita nella sua collocazione originale. Il restauro è realizzato grazie all’intervento del Comune e di Unindustria, su progetto dello studio di architettura Iosa Chini Associati. Da settembre 2009, la casa dovrebbe ospitare il centro studi dedicato all’artista Così torneranno in via Fondazza i quadri della collezione privata di Morandi, i suoi libri, le lettere, gli arnesi da lavoro. Tutto questo interessante e unico materiale fino ad oggi è stato sparso qua e là tra le tante sale, mostre, esposizioni dedicate all’artista bolognese in diversi luoghi della città. Dal mese di settembre tutto ritornerà a casa, nella sua casa. Un’occasione in più per conoscere da vicino, quasi curiosando nella sua intimità, il vero animo del pittore Morandi, molto spesso incompreso anche dai critici più fedeli.

Tour consigliati