I dati che emergono dalla seconda ricognizione di Ismea e Unione Italiana Vini sono buoni: la vendemmia 2008 andrà meglio della precedente.
Non sarà ottima perchè non si recupereranno le perdite del 2007 al 100%, ma ci saranno buoni numeri.

Le stime attestano una produzione pari a 46 milioni di ettolitri, con un incremento del 7% rispetto ai 43 milioni dichiarati dall’Istat per il 2007.

In estate ci si aspettava di più, ma almeno nessuno avrà da dire sulla qualità dle vino: l’annata 2008 sarà buona, con punte di “ottimo”.
Se non ci si mette il tempo a cambiar faccia, la vendemmia sarà buona soprattutto per il Sud:recupererà la Sicilia (+35%), e la Puglia (+15%), ma anche la Campania e la Calabria (+10% circa).

Novità del mondo vinicolo viene dal governo: con un decreto firmato ad inizio agosto dal ministro dell’Agricoltura Luca Zaia, viene autorizzata la possibilità di confezionare i vini a denominazione di origine controllata (DOC) in contenitori alternativi al vetro, in particolare nei cosiddetti “bag in box”, escluse però le DOCG e le DOC più selettive e cioè quelle designabili con l’indicazione della sottozona, della menzione “Riserva”, “Superiore”, “Vigna” e delle altre menzioni tradizionali.

Tour consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


CAPTCHA Image
Reload Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.