La Notte Rosa, il “Capodanno dell’Estate” in Romagna

Cos’è La Notte Rosa

la notte rosa 1

Fuochi d’artificio a “La Notte Rosa”. Foto pubblica da Pagina Facebook ufficiale La Notte Rosa.

La Notte Rosa è l’evento più atteso dell’estate della Riviera Romagnola. Nata nel 2006, è ormai diventata una consolidata tradizione ed ha smosso fin da subito un milione di persone per continuare a crescere anno dopo anno. Non a caso, è diventata anche conosciuta come “Il Capodanno dell’Estate”.

La “formula” è di quelle forti: anziché essere localizzata in un unico Comune, si sviluppa lungo circa 110 chilometri di costa dove, nell’arco dei due giorni del primo weekend di luglio (venerdì e sabato), si tengono più di trecento spettacoli di ogni tipo, per intrattenere e divertire pubblici differenti. Con personalità e fantasia, gli spettacoli sono incentrati ad esempio su concerti di generi musicali disparati, balli di liscio, animazione, cabaret, arti visive e contemporanee, ma troviamo anche scenografie, mostre, installazioni, convegni, attività e gare sportive. A ciascuno il suo, con l’obiettivo comune di regalare due giorni di divertimento e sorrisi. Il nome “Notte Rosa” è stato scelto in questo caso per distinguersi dalle varie “notti bianche” presenti in moltissime città italiane, tutte con il limite di svolgersi in un unico centro abitato. Per sottolineare – invece – come l’evento ricomprendesse tutta la costa dell’Emilia Romagna da Comacchio a Cattolica, è stato scelto il rosa, un colore “gentile” che per una volta non è strettamente legato alla figura della donna, ma vuole semplicemente richiamare il modo con cui la Riviera si presenta agli occhi dei visitatori: “gentilmente”, appunto, a livello di ospitalità, di relazioni, di sentimenti e amore, di accoglienza dei turisti. Ciascuna località balneare si incentra ogni anno un tema creativo formando così un evento davvero unico che coinvolge tutta la riviera non solo sotto il punto di vista degli spettacoli, ma anche dell’organizzazione e della ricettività.

Così, la Notte Rosa non diventa solo un mero contenitore di eventi, ma – seguendo un canovaccio ben preciso – al contrario diventa invece in grado di essere viva testimonianza dell’evoluzione della Riviera verso le nuove tendenze, l’avanguardia. Le atmosfere tendono a calcare il rosa e i colori tenui, ad essere dolci e avvolgenti, capaci di far sognare ragazzi e adulti, grazie alla sinergia creatasi nel lavoro di squadra tra enti pubblici e privati. A collaborare insieme per la sua riuscita contribuiscono infatti molti organismi differenti: Regione, Province, Comuni, i servizi di trasporto, le forze dell’ordine, sponsor, aziende e singoli, rendendo l’evento il fiore all’occhiello dell’estate in Emilia Romagna.

La copertura mediatica è di quelle di prim’ordine tanto da contare solo per l’ultima edizione oltre mezzo milione di programmi distribuiti, ventimila manifesti, 940 spot radio e 168 spot tv da 15 secondi, 560 articoli di rassegna stampa, nonché più di 220 mila visitatori unici sul sito web ufficiale www.lanotterosa.it. Tutti gli esercizi commerciali sono coinvolti a vario modo nel creare l’atmosfera, con oltre ottomila locali, 3500 alberghi e 1400 stabilimenti balneari riallestiti in tinte rosa…come potete notare, qualcosa di molto più di una semplice notte bianca in un’altra città d’Italia.

la notte rosa 2

La Notte Rosa. Foto pubblica da Pagina Facebook ufficiale La Notte Rosa.

Focus su Rimini

La città di Rimini viene allestita a festa non solo nei locali, ma ovunque: per le strade, sulle spiagge, sui luoghi pubblici più importanti. Il rosa diventa il leitmotiv del lungo weekend contribuendo a generare anche spontaneamente il clima di festa e di gentilezza per le strade. Gli spettacoli comprendono non solo la costa, ma anche il centro storico e riguardano attività artistiche, musicali e culturali, dall’ambito classico a quello sperimentale. Così, se è vero che le spiagge e il lungomare possono essere preferiti nel mese di luglio, è anche vero che il centro abitato non si spopola, ma resta importante per attrarre il suo pubblico rafforzato da negozi aperti, ristoranti e cantine di qualità. Prima di arrivare al clou della Notte Rosa contribuiscono altri eventi correlati come ad esempio la Molo Street Parade e Aspettando la Notte Rosa. Molo Street Parade vede l’originale collaborazione tra pescatori e dj: vengono infatti utilizzati 10 pescherecci attraccati al porto da cui suoneranno decine di dj pronti a far divertire il pubblico. Infine, quest’anno è stato possibile ammirare l’alba direttamente in barche, salpate alle 4.30 del mattino e prenotate a pagamento dagli inguaribili romantici.

Focus su Cattolica

Cattolica fonda il proprio turismo sui giovani e sulla loro esuberanza. Ecco perché anche per l’ultima edizione ha voluto mantenere la sua natura offrendo il concerto della band di Umberto Smaila, il concerto “Il nostro canto libero” e lo spettacolo recital “Dell’amore e della passione” organizzato dal Belcanto Lirical Trio assieme a coreografie e balletti. “Notte Rosa Passion Festival” ha dato spazio lungo le vie del centro abitato a gruppi e solisti musicali che operano a livello locale, mentre il piatto forte è stato senz’altro il concerto dei Negramaro tenutosi presso Arena della Regina.

Non sono state però dimenticate le famiglie con bambini piccoli. Ecco quindi che è stato organizzata la “Baia di Sharky” nell’Acquario di Cattolica. I bambini che hanno aderito al “piedibus” hanno camminato a piedi per “5 fermate” tra le vie di Cattolica per raggiungere così l’Aquario. È stata organizzata anche una caccia…quale? Ovviamente la Caccia al teso-rosa!

Focus su Bellaria Igea Marina

Bellaria Igea Marina ha dato anche quest’anno ampio spazio ai bambini, per cui sono stati realizzati spettacoli lungo tutto il weekend realizzando così “La Notte Rosa dei bambini”. Tra le iniziative più belle il “Ludobus”, e tutte le strade ed i parchi hanno ospitato musica, balletti e spettacoli teatrali pensati per i più piccoli. A catalizzare l’attenzione il pupazzo a grandezza naturale della Pimpa e le Winx.

Gli eventi clou

la notte rosa 3

Francesco Renga a La Notte Rosa. Foto pubblica da Pagina Facebook ufficiale La Notte Rosa.

I concerti di grandi artisti nazionali e internazionali sono senza dubbio uno dei momenti di maggior attrazione della Notte Rosa. Negli anni scorsi si sono esibiti in occasione di questo evento artisti come Gianna Nannini, Carmen Consoli, Fiorella Mannoia, Tiromancino, Elio e le Storie Tese, Franco Battiato, Samuele Bersani, Stadio, Edoardo Bennato, Francesco De Gregori e molti altri ancora.

Nell’ultima edizione gli indiscussi protagonisti sono stati almeno quattro. I Baustelle hanno aperto il giovedì a Rimini in “Aspettando la Notte Rosa”, con la scaletta che è andata dai loro classici all’ultimo album passando per alcune cover. Venerdì 4 luglio sempre a Rimini è stata la volta di Elisa, che con la sua incredibile voce si è esibita nei brani interamente in italiano dell’ultimo album intervallati dai grandi successi. Sabato 5 luglio Francesco Renga ha deliziato il pubblico di Riccione, con un concerto che ha esplorato l’ultimo album Tempo Reale assieme al repertorio di successo. Infine, sabato 5 luglio a Cattolica si sono esibiti i Negramaro, per chiudere “con il botto” la rassegna di artisti musicali nostrani tutti di assoluto livello, oltre che con lo spettacolo di fuochi d’artificio che accompagna tutte le località coinvolte nella Notte Rosa a chiusura dell’evento.

Altri cantanti si sono esibiti disseminati per la Riviera, come Luca Carboni, Arisa, Modena City Ramblers.

Curiosità

La Notte Rosa è un evento esclusivo della costa romagnola, unico nel suo genere anche per modalità di svolgimento, contenuti e coinvolgimento della popolazione. Esiste però un’altra Notte Rosa, ovviamente di dimensioni molto minori, in quel di Otranto, nel Salento. In questo caso, però, il “rosa” ritorna sinonimo di femminilità, offrendo occasione per una serie di eventi incentrati sulla donna tra concerti musicali, sfilate, incontri culturali e di letteratura, mostre artistiche, esibizioni di artisti di strada e divertimento con dj set. Questa Notte Rosa si svolge ogni anno dal 2008 e coinvolge in prima persona donne anche nelle esibizioni, quasi sempre appannaggio di attrici, musiciste, scrittrici. L’ultima edizione ha visto anche la proiezione di un cortometraggio e l’organizzazione di un torneo di calcio femminile. Similmente alle notti bianche, restano aperti fino a tarda ora non solo pub e locali, ma anche molti negozi, tutti abbelliti con il tema predominante del rosa. Anche qui non mancano concerti di una certa rilevanza, ad esempio uno degli ultimi è stato il concerto di Emma Marrone, star tutta salentina messasi in luce grazie al talent televisivo di “Amici”. L’organizzazione è affidata a reti di istituzioni ed associazioni, con la collaborazione attiva del Comune.

Così, sebbene con premesse differenti, anche il Sud Italia ha la sua “Notte Rosa”.

Conclusione

La Notte Rosa permette a tutta la Riviera Romagnola di valorizzarsi e di valorizzare le espressioni artistiche e la creatività, creando momenti importanti di condivisione e fratellanza volti ad eliminare ogni barriera di intolleranza a tutti i livelli, per trasmettere invece il valore della condivisione senza barriere di sorta su cui da decenni già si basa lo spirito della Riviera, riaffermando la propria identità.

la notte rosa 4

Concerto a La Notte Rosa. Foto pubblica da Pagina Facebook ufficiale La Notte Rosa.

Tour consigliati