Cosa vedere a Cervia. Tra sale, natura e divertimenti

Cosa vedere a Cervia. Tra sale, natura e divertimenti

Visitare Cervia

Cervia sorge 20 km da Ravenna, verso sud, in una delle parti più belle della costa Adriatica.

I suoi 10 chilometri di litorale vanta una sabbia impalpabile ultra-fine e i fondali bassi, un luogo perfetto per i bambini.
Cervia è l’antica città del sale, una città che regala quelle estati tipiche di una volta, fatte di mare, musica, di arte e di cultura, fatte di tipi da spiaggia ma non solo, fatta di pinete dove le famiglie trovano il fresco, della salina, delle passeggiate al porto.
Cervia è un antico borgo di pescatori caratterizzato da un’ampia, secolare pineta da anni vera calamita per il turismo soprattutto con la nascita, della città-giardino Milano Marittima, sorta ai margini della secolare pineta nel 1912.

Oggi, ogni anno, milioni di visitatori italiani e stranieri si godono le vacanze estive a Cervia dove l’accoglienza è una vera e propria arte.

Le “belle maniere” tipiche degli abitanti della zona si fondono con la natura e con la cultura della zona e, ogni anno, le iniziative si moltiplicano e allietano i turisti e gli abitanti del luogo.

Una delle tante iniziative è la “Pineta all’imbrunire”, volta a fare conoscere l’antico e profumato bosco di pini che abbraccia Cervia, Milano Marittima, Pinarella e Tagliata. La Pineta all’imbrunire è un modo per entrare a fare parte del bosco quando tutto si prepara per la notte: profumi, suoni, odori, rumori, tutto ti entra dentro e ti ci resta impresso.

La Pineta di Cervia

pinetacervia

La pineta di Cervia – Foto CC-BY di ancorahotel.it

La Pineta è protagonista di altri tanti eventi organizzati a Cervia come gli appuntamenti musicali: uno spettacolo dentro un altro spettacolo. Ascoltare musica in un’ambientazione del tutto naturale, dove, tra gli ascoltatori ci sono anche i personaggi del bosco.

Le aree verdi sono il vero tesoro di Cervia, un patrimonio di cui la Pineta, descritta anche da Dante e Byron, è la protagonista assoluta. Come protagoniste sono le saline, bel 827 ettari di estensione che garantiscono una produzione di sale che supera i 200.000 quintali. E che fanno da habitat per tantissime specie animali che per nidificare hanno scelto una riserva naturale di tutto rispetto: la Stazione Sud del Parco del Delta del Po.

Tra la fauna acquatica che abitualmente frequenta questo ambiente si trovano: le avocette, i cavalieri d’Italia, le pettegole, le pittime reali, le rondini di mare, i fratini, i fraticelli, il corriere piccolo, i martin pescatori, i gabbiani comuni e reali che qui nidificano e gli altri uccelli quali gli aironi, le garzette, i fenicotteri, i piro piro, i cormorani, le spatole, i combattenti, i piovanelli.

Sono oltre 35 le specie di trampolieri presenti e oltre 10 le specie di anatre sia di tuffo che di superficie quali i germani reali, le alzavole, i fischioni, i codoni, i mestoloni, le volpoche, le marzaiole. Non mancano inoltre folti gruppi di oche selvatiche, bellissimi esemplari che qui si possono facilmente osservare nella stagione opportuna, lungo gli argini o in volo da una parte all’altra della salina.

Cervia-Piazza_Pisacane-pescheria

Cervia Piazza Pisacane – pescheria –
Foto CC-BY di Nerijp

Qui a Cervia il rispetto della natura è ciò che più conta e l’impegno della città verso l’ambiente si evince da tantissime cose: dalla cura delle aiuole ai tanti riconoscimenti ricevuti per le tante iniziative e per l’attenzione che la città presta verso la natura.

Un esempio? Cervia vanta il primato di essere stata la prima località nella costiera Adriatica ad aver adottato un impianto di depurazione delle acque ( 1968).

Torre di Cervia

Torre di Cervia – Foto CC-BY di Egnoka

Tra le tante interessanti e naturali cose da ammirare ci sono gli alberi monumentali come l’Albero Monumentale Gelso inserito dalla Regione Emilia Romagna nell’elenco degli esemplari arborei tutelati. Si tratta di un albero di eccezionali dimensioni, che si trova in ottime condizioni vegetative e sanitarie e di interesse storico rilevante.

Bellissimo anche immergersi nel Bosco del Duca d’Alteps, un chilometro di alberi con numerosi e maestosi esemplari di farnia.

Museo del Sale di Cervia

Chi visita Cervia non può perdersi il Museo del Sale di Cervia (il Musa), che si trova all’interno del Magazzino del Sale Torre.

Il Museo del Sale di Cervia è stato inaugurato in veste rinnovata nel 2004, e nel 2010 è stato premiato con la qualifica ufficiale di “Museo di qualità” fra i primi 109 musei della regione Emilia Romagna. Da metà giugno questo luogo apre le porte a diverse iniziative come la visita guidata alla salina Camillone, l’antica salina dove i salinari raccolgono ancora il sale con il metodo artigianale.

Ma oltre la pineta, i boschi e il Museo del Sale ci sono tante cose da vedere a Cervia. Vediamo insieme quali sono i punti da non perdere se si visita questa gaia città.

Cattedrale di Cervia

La Cattedrale di Cervia viene edificata il 18 giugno 1699 sotto progetto di Fontana, ma fu ronta nel secolo dopo, nel 1702, e l’8 giugno vi venne celebrata la prima messa. La facciata di questa chiesa è semplice: in pietra viva sembra quasi incompleta. In realtà è così, il progetto originale infatti prevedeva un rivestimento elegante che non fu possibile completare. Nel 1750 alla Chiesa viene affiancata la Torre Campanaria.

Nella Chiesa si possono contare sei cappelle laterali, in ognuna di esse si possono visionare opere d’arte molto interessanti.

Ad esempio la tela raffigurante il Patrono della Città S. Paterniano, una fonte battesimale risalente al ‘700, la statua della Madonna del Fuoco, con in braccio il Bambino, la statua di San Lorenzo.
Molto suggestivo il dipinto della Madonna con Bambino “Madonna della Neve”, una pala che raffigura l’Assunta tra San Nicola e San Bartolomeo.

quadro_madonna_della_neve

Quadro Madonna della Neve – Foto CC-BY di turismo.comunedicervia.it

Nella Chiesa di Santa Maria del Suffragio, costruita tenendo ben presente la tipologia degli edifici che la circondano, troviamo un pregiato Crocifisso ligneo del trecento, un organo veneziano del 1788 ancora funzionante.
La Chiesa di Sant’Andrea Apostolo è stata invece edificata nel 1860 in stile neoclassico.
Molto suggestiva la Chiesa di San Giuseppe di Castiglione che si trova a circa 8 chilometri da Cervia, nella frazione di Castiglione di Cervia.

E, sempre nella stessa frazione, si trova l’Oratorio di San Lorenzo.

Si trova invece nella frazione di Cannuzzo, a 10 chilometri da Cervia, il Santuario della Madonna degli Angeli un edificio con le caratteristiche tipiche settecentesche. Ciò che maggiormente colpisce in questa Chiesa è l’affresco del Cinquecento che raffigura la Vergine circondata dagli Angeli.

Natura, storia, cosa manca ad una vacanza che si rispetti?
Direi il cibo

piazza-Garibaldi-Cervia

La fontana di piazza Garibaldi
foto CC-BY di Renzo Canalini

Ovviamente quando si parla di Cervia non si può non parlare di sale, l’oro bianco che ha costituito e che costituisce da secoli la ricchezza di Cervia. Il sale dolce di Cervia viene utilizzato in cucina e nella cosmesi. Tra i piatti più prelibati citiamo il Cioccolato al Sale dolce, i formaggi freschi al sale.
Siamo in Romagna quindi è doveroso citare la Piadina Romagnola conosciuta a livello mondiale.

E poi il pesce, il miele di Cervia, i vini, come il Vino D.O.C. di Cervia. Tante prelibatezze che riportano alla tradizione dell’Emilia Romagna che mette il piacere dello stare a tavola tra i primi posti.

Come arrivare a  Cervia

Questo paradiso è semplice da raggiungere sia che si utilizzi l’auto, sia che si preferisce il treno, sia che si opti per l’aereo.

Raggiungere Cervia in auto

Da Nord:
autostrada A14 Bologna-Ancona
uscite: Ravenna (direzione Lidi Sud – Rimini), Cesena Nord, prendere la superstrada E 45 direzione Ravenna, uscire a Casemurate e proseguire in direzione Cervia S.S. 254 (km 16), Cesena, prendere la S.S. 71 bis direzione Cervia (km 12).
Da Nord Est:
S.S. 309 Romea fino a Ravenna, proseguire con la S.S. 16 Adriatica direzione Lidi Sud.
Dal Centro Sud:
Superstrada E 45 uscita Casemurate, proseguire in direzione Cervia.
Da Sud:
autostrada A14 Bari – Bologna uscita Cesena, poi prendere la S.S. 71 bis direzione Cervia (km 12).

saline_di_cervia

Le saline di Cervia – Foto CC-BY di ancorahotel.it

Raggiungere Cervia in treno

La stazione ferroviaria di Cervia – Milano Marittima si trova sulla linea Ferrara – Ravenna – Rimini.
I collegamenti frequenti con Ravenna e Rimini consentono di raggiungere tutte le principali città in Italia e in Europa.
A circa 20 km si trova la stazione di Cesena sulla linea Bologna – Ancona.
E’ possibile avere tutte le informazioni sugli orari dei treni telefonando al numero verde di Trenitalia 892021 oppure collegandosi al loro sito www.trenitalia.com

Raggiungere Cervia in aereo

Gli aeroporti, collegati con le più importanti città italiane ed europee mediante servizi di linea e voli charter, più vicini a Cervia, Milano Marittima, Pinarella e Tagliata sono:
Bologna (km 90) aeroporto internazionale con diverse destinazioni in Italia e nel mondo. Dal 1° giugno al 15 settembre 2013 è attivo un servizio di navetta da e verso Cervia, per tutti i dettagli visita il sito
Rimini (km 30): Amsterdam, Basilea, Berlino, Bruxelles, Francoforte, Karlsruhe, Kiev, Londra, Lussemburgo, Mosca, Norimberga, Parigi, Praga, Stoccarda e Zurigo sono alcune delle destinazioni collegate all’aeroporto Federico Fellini di Rimini.
Dal 15 maggio al 15 settembre 2013 è attivo un servizio navetta da e verso gli alberghi del comune di Cervia.
Clicca qui per scoprire e prenotare i migliori Hotel a Cervia