Roma si conferma la capitale del turismo culturale



musei vaticaniIl turismo culturale a Roma non conosce flessioni legate a congiunture economiche negative. Basta vedere gli sciami di persone che assediano i luoghi d’arte, come pure le fontane e i musei, compresi i Vaticani con le file che arrivano fino a piazza Risorgimento.

La richiesta di un gturismo culturale è forte e cresce di anno in anno. In questo senso Roma cammina veloce. Anche quest’anno c’è stato nei primi dodici giorni di agosto un boom di visite nei Musei capitolini, all’Ara Pacis, a Palazzo Braschi, ovunque, visitatori in più anche nella piccola casa-museo dello sculture Pietro Canonica a villa Borghese, nei pressi di piazza di Siena.

Un luogo dove non ci capiti per caso, ma che scegli di visitare, vista la sua particolarità.
Insomma Roma si conferma la capitale culturale, oltrechè politica, del nostro Paese, ribadendo la forte e semprer adeguata ai tempi proposta che parte dalle istituzioni, ma anche dai privati.

Segno che la cultura non conosce colore e tutti si devono prodigare per sostenerla e coltivarla, annche per le genrazioni future.