Arona, la sponda piemontese del lago Maggiore



aronaIn questo tempo estivo, fatto di vacanze e passeggiate anche notturne, chi non ha la fortuna di andare al mare, cerca alternative altrettanto valide. Ecco allora che soprattutto al Nord si pensa di trascorrere qualche giorno di relax e divertimento ai laghi. Ad essere presi d’assalto, soprattutto nei fine settimana, sono le sponde del Lago Maggiore.

Arona in particolare è la meta preferita. Nella cittadina che diede i natali a San Carlo Borromeo e ne conserva il colosso in bronzo, affettuosamente chiamato Sancarlone, ci si può davvero divertire.

Tra i suoi vicoli costellati da boutique alla moda, pasticcerie e locali vista lago, ci si sente sempre in vacanza. Candidi cigni allungano i loro colli sulla camminata lacustre fra barchette di pescatori e aiuole, mentre la vista spazia sui nobili profili della Rocca di Angera.

Arona si trova sulla sponda piemontese del Lago Maggiore, in provincia di Novara. Il passeggio qui è d’obbligo, tra vicoli e piazzette si scopre davvero un gioiello.
La bella Arona possiede infatti interessanti monumenti tutti da scoprire.

Il cuore medievale è Piazza del Popolo, in passato piazza di mercato e di porto, dove l’acqua del lago fa da cornice ad uno scenario già meraviglioso. Interessante è anche il loggiato gotico, un tempo palazzo di giustizia, decorato da medaglioni in terracotta dalle nobili fattezze dei Visconti e degli Sforza.

Subito accanto, una doppia scalinata introduce alla seicentesca chiesa di Santa Maria di Loreto, meglio conosciuta dagli aronesi come Santa Marta, che custodisce una copia a grandezza naturale della Santa Casa di Loreto.
Tantissime altre sono le bellezze da scoprire, ma lasciamo al bravo e attento visitatore il compito di farlo.