La fortezza di Civitella del Tronto



In Abruzzo sorge una fortezza, in provincia di Teramo, di grandissima rilevanza culturale ed artistica: Civitella del Tronto. La grande fortezza, posta a guardia dei confini settentrionali del Regno di Napoli, sorge maestosa su di un alto colle che domina la media valle del Tronto. Civitella aveva dimostrato sin dal XII secolo l’importanza strategica della sua posizione e le dominazioni angioina e aragonese ne avevano rafforzato il sistema di mura e di torri.

Nel XV secolo fu aggiunto un castello, sul quale si sarebbe poi sviluppata la fortezza. L’ultimo episodio che dimostrò l’inespugnabilità di Civitella fu il celebre assedio del 1557, in cui furono respinte le truppe francesi. Conscio di come la rocca costituisse il più importante baluardo del Viceregno, il re spagnolo Filippo II d’Asburgo decise di aumentarne ancora le potenzialità, facendone una vera e propria fortezza.

Essa visse momenti gloriosi, opponendo eroica resistenza all’assedio del 1806, durante l’invasione di Napoleone, e a quello del 1860-61 contro l’esercito piemontese. Fu tuttavia alla fine di quest’ultimo assalto che capitolò definitivamente e fu smantellata. Negli anni che seguirono, la popolazione di Civitella saccheggiò i ruderi per cavarne pietre da costruzione. Dopo un lungo periodo di abbandono, negli anni ’70 venne radicalmente restaurata tornando a essere visitabile.

A Civitella non mancano occasioni di divertimento e di rievocazioni storiche, come quella in programma Sabato e Domenica 23/24 Marzo nella prestigiosa cornice della Fortezza cinquecentesca. Si tratta della  manifestazione “SARDEGNA IN PIAZZA”.
La manifestazione vedrà la partecipazione di un suonatore di Launeddas (antico strumento musicale sardo) in un alternarsi di musiche e canti abruzzesi e sardi con il gruppo polifonico Acquaviva di Mosciano S.Angelo.

La domenica sarà protagonista il duo Marimba, gruppo musicale sardo, con canti e balli tipici dell’Isola.
Stand enogastronomici con i prodotti dell’Isola completeranno l’offerta.
Domenica 17 marzo alle ore 17,30 verrà inaugurata la mostra dell’artista sardo Salvatore Atzeni dal titolo “Viaggio attraverso la Sardegna”.

Le opere dell’artista aiutano il visitatore alla conoscenza della Sardegna più arcaica, attraverso la “scrittura” insita nei visi centenari e di paesaggi che raccontano il tempo passato come le “rughe” dicono della vita degli alberi.