La Melannurca campana IGP



MelannurcaLa terra campana produce frutti unici e rari, come la Melannurca campana IGP, che è fra i prodotti che meglio si possono fregiare della propria tipicità: essa è infatti prodotta pressoché esclusivamente in Campania e manifesta caratteristiche uniche nel panorama delle mele presenti sul mercato italiano.
Definita da sempre la “regina delle mele” essa è da sempre conosciuta soprattutto per la spiccata qualità dei suoi frutti, dalla polpa croccante, gradevolmente acidula e succosa, con aroma caratteristico e profumo finissimo, una vera delizia per gli intenditori.

Il frutto si colora intensamente dopo un periodo di arrossamento a terra.

L’arrossamento a terra delle mele nei cosiddetti “melai” e un processo lento e antico.

I melai sono costituiti da piccoli appezzamenti di terreno, sistemati adeguatamente, su cui sono stesi strati di materiale soffice vegetale.

Durante la permanenza nei melai i frutti sono disposti esponendo alla luce la parte meno arrossata, e periodicamente rigirati ed accuratamente scelti.

E’ proprio questa pratica, volta a completare la maturazione dei frutti, adottando metodi tradizionali e procedure effettuate tutte a mano, ad esaltare le caratteristiche di qualità della Melannurca Campana IGP, conferendogli quei valori di tipicità che nessun altra mela può vantare.

La Melannurca Campana IGP è presente in Campania da almeno due millenni.

La sua raffigurazione nei dipinti rinvenuti negli scavi di Ercolano e in particolare nella Casa dei Cervi, testimonia l’antichissima legame dell’Annurca con il mondo romano e la Campania felix in particolare.

Luogo di origine sarebbe l’agro puteolano, come si desume dal Naturalis Historia di Plinio il Vecchio.

Proprio per la provenienza da Pozzuoli, dove è presente il lago di Averne, sede degli Inferi, Plinio la chiama “Mala Orcula” in quanto prodotta intorno all’Orco (gli inferi).

Da qui i nomi di “anorcola” e poi “annorcola” utilizzati nei secoli successivi fino a giungere al 1876 quando il nome “Annurca”compare ufficialmente nel Manuale di Arboricoltura di G. A. Pasquale.

Il riconoscimento dell’IGP da parte della Commissione europea è avvenuto nel marzo del 2006.

La Melannurca Campana IGP rivendica da sempre virtù salutari:
altamente nutritiva per l’alto contenuto in vitamine (B1, B2, PPe C) e minerali (potassio, ferro, fosforo, manganese) essendo ricca di fibre, regola le funzioni intestinali, ma è anche diuretica, particolarmente adatta ai bambini ed agli anziani la ricchezza in composti fenolici, che sono in grado di prevenire i danni ossidativi dell’apparato gastrico legati all’azione dei radicali liberi, le conferisce proprietà gastroprotettive.

E’  indicata spesso nelle diete ai malati ed in particolare ai diabetici per l’eccezionale rapporto acidi/zuccheri, le sue qualità organolettiche e gustative non trovano competitori in altre varietà di mele.