Il museo del mare di Catania

Il museo del mare di Catania

Sapete cos’è il il tartanone (‘u tattaruni)? E’ una piccola rete a strascico tirata a mano dalla barca da una posizione fissa, impiegata per la pesca radente sottocosta.  Se siete appassionati di mare e di tutto quello che ci gira intorno non potete perdervi il Museo del Mare di Catania che racchiude e custodisce gelosamente il mare e i suoi pesci, i frutti, le conchiglie e tutto ciò che tra scogli e spiagge si può trovare.

Si respira il profumo del mare in questo luogo, si sente il sale, si sentono le voci dei pescatori quando tirano su le reti, il loro lavoro così duro ma così affascinante, si respira l’aria del posto, quell’aria così particolare dei borghi marinari, quell’aria che hanno voluto immortalare in un museo.

II Museo del Mare e della Pesca di Catania è un museo storico-antropologico ma è anche un museo del territorio, strettamente legato al borgo di Ognina dove è ubicato. Questo museo nasce da un’idea dei pescatori del borgo che qualche decennio fa esposero dentro le Grotte di Ulisse, utensili ed oggetti legati alla vita e ai mestieri del mare (reti, strumenti nautici ecc,..).

Inaugurato l’8 Aprile 2000, il Museo è collocato dentro un magazzino del grano del Settecento: i materiali esposti, di notevole valore storico ed antropologico sono la testimonianza di una delle attività più antiche dell’uomo: la pesca.

I reperti presenti sono frutto delle donazioni di pescatori ed appassionati : attrezzi, utensili e strumenti nautici e questo rende ancora più particolare la ricca esposizione.

Tra i pezzi esposti troviamo  i reti ed attrezzi, lontri e polpare per la pesca dei cefalopodi e nasse di varie dimensioni usate per la cattura di alcuni pesci, di polpi, di  seppie ma soprattutto di crostacei.

Bellissima la collezione di conchiglie, di stelle marine, di ricci, di pesci, e la sezione archeologica dove si possono ammirare molti fossili ed alcune anfore romane e greco – italiche, ritrovate in un relitto nei pressi del porto di Ognina.

Porto di Ognina

Porto di Ognina

Questo borgo fa parte della città di Catania e non si deve confondere con l’omonima Ognina che è in provincia di Siracusa. Ognina di Catania è un antico borgo marinaro indissolubilmente legato al mito di Ulisse che, sin dalla stesura del poema Il Ciclope di Euripide, si dice sbarcasse lungo la frastagliata costa catanese. Si tratta di un luogo imperdibile, di una delle zone più antiche e ricche di storia di Catania. Questo Antico porticciolo di pescatori ( lo è anche oggi ) è chiamato dai catanesi, il ” Porto di Ulisse “. Il panorama del Golfo di Catania e delle pendici dell’Etna che si gode dal lungomare di Ognina è eccezionale.

In questo luogo oltre che visitare il Museo e godere appieno della quiete e del panorama, si possono fare gite in bicicletta, si può visitare la chiesetta di Santa Maria di Ognuna che sorge al posto di un tempio antico dedicato alla dea Athena Longatis.

Il Museo dunque non poteva trovare collocazione migliore, essendo vicinissimo al mare dal quale trae continua ispirazione. Inoltre il Museo del Mare propone ai visitatori non solo visite guidate  ma anche percorsi animati su prenotazione per gruppi.

Una modalità alternativa di fruizione coinvolgente ed accattivante che rende i fruitori protagonisti della visita e che ha riscosso fino ad oggi grande successo con scolaresche di ogni ordine e grado, studenti universitari, frequentanti master, comunità terapeutiche, genitori e bambini, adulti.