Il santuario dei Santi Medici ad Oria (BR)

Rappresenta da decenni l’ideale centro religioso del Salento. In Puglia, quanto a visitatori, è secondo soltanto a quello di San Giovanni Rotondo. Ci riferiamo al santuario dei Santi Medici, a cinque chilometri circa dal centro abitato di Oria (Brindisi), è meta di migliaia di pellegrini provenienti da tutto il Mezzogiorno.
La devozione per i taumaturghi Cosimo, Damiano, Antimo, Leonzio ed Euprepio in questa zona della Puglia risale al periodo in cui i monaci basiliani, per sfuggire alla persecuzione degli iconoclasti, si rifugiarono in questa campagna indicata come “macchia”, per via della vegetazione spontanea e del tipo di terreno, dove esisteva già un piccolo villaggio che negli anni si è ingrandito grazie al culto dei Santi Medici.

Ancora oggi i fedeli indicano il santuario come “San Cosimo alla Macchia” e nel corso dei secoli – intorno alla prima chiesetta eretta dai basiliani – è sorto un complesso che recentemente, con gli interventi previsti per il Giubileo de] Duemila, è stato restaurato e ampliato.

I vescovi di Oria si sono sempre adoperati per accrescere la fede intorno ai Santi
Medici, venerati in un santuario che è un punto di riferimento nel panorama religioso italiano e internazionale. Tant’è che al rettore giungono testimonianze e attestazioni di fede da ogni parte del mondo, in particolare dall’America latina, dove il culto è diffuso.
Il santuario, potenziando le sue strutture (come lo spazio celebrativo dell’altare all’aperto e la nuova Penitenzieria), oggi rientra negli itiìnerari del turismo religioso e culturale della Regione.

L’intera zona, infatti, costituisce un’autentica oasi di spiritualità, offrendo l’occasione per trascorrere una giornata all’insegna della natura e della riscoperta delle antiche tradizioni pugliesi.
Adiacente all’area del santuario esiste infatti il museo etnografico dell’Italia meridionale, con oltre 4.000 pezzi esposti che ricordano gli antichi mestieri e le tradizioni del Salento e del Mezzogiorno.

Non può mancare una visita alla sala degli ex voto: testimonianza delle guarigioni operate dai Santi Medici. Le testimonianze sono esposte al pubblico come in una grande mostra permanente, per cui è meta anche di centinaia di scolaresche provenienti da tutta la Puglia.

Al centro di tutto resta, comunque, il santuario dove è possibile ammirare alcune splendide tele, in particolare quelle dell’apoteosi e quelle del martirio e delle guarigioni, oltre alle statue dei santi Cosma e Damiano.