A Modena c’è Changing Difference. Queer politics and shifting identities.

L’arte fotografica è davvero questione di sfumature, come quella pittorica. Ogni artista con i colori trasmette emozioni e sensazioni uniche, basta solo saper scegliere il colore più adatto. Ma sfamute sono anche quelle della personalità che attraverso l’arte si possono individuare e apprezzare. E’ l’artista stesso che si mette in gioco e si racconta, rischiando interpretazioni e giudizi differenti.

Tutto questo è possibile “vederlo” nella mostra allestita a Modena dove i protagonisti assoluti sono tre artisti, image-maker e operatori della cultura underground. Il titolo scelto per la rassegna è Changing Difference. Queer politics and shifting identities. Peter Hujar, Mark Morrisroe, Jack Smith.

Un percorso fatto di opposti, che si integrano come arte aulica e arte popolare, banale ed elegiaco, trash e raffinatezza, vita e morte. Al di là delle apparenze, il denominatore comune è la capacità di catturare le sfumature della personalità. Catalogo Silvana Editoriale.

Ad ospitare la mostra è la Galleria Civica, Palazzo Santa Margherita, Palazzina dei Giardini fino al 27 gennaio 2013.