Laure Prouvost e il suo amore per l’Italia

L’artista e cineasta Laure Prouvost è ancora poco nota in Italia, ma le sue produzioni sono a dir poco geniali. Ne avremo una prova visitando una mostra, che è poi anche un evento cinematografico, in allestimento a Reggio Emilia. Laure Prouvost, con i suoi brevi filmati e le sue installazioni scardina la connessione tra linguaggio e comprensione, aprendo nuovi orizzonti di senso.

La sua nuova opera, che sarà presentata alla Whitechapel Gallery di Londra e alla Collezione Maramotti nel 2013, rimanda agli affreschi romani e ai piaceri dell’Italia, giocando con l’idea storica di visitare il Mediterraneo alla ricerca d’ispirazione. La sua è dunque una vera devozione per il nostro Paese, di cui è innamorata da anni.

Giovedì 29 novembre 2012, prima dell’apertura della mostra, Laure Prouvost sarà l’ospite d’onore di un evento di musica, parole, cibo e vino in cui parlerà della sua residenza in Italia.
È prevista inoltre una conversazione tra l’artista e Barbara Steveni, fondatrice dell’organizzazione pionieristica d’artisti Artists’ Placement Group.

L’incontro verterà su temi quali l’ispirazione, le residenze e il linguaggio che sarà accompagnata dalla performance della musicista e cantante italiana Cristina Zavalloni che farà da contraltare al dialogo con le sue interpretazioni operistiche.

L’evento è organizzato in collaborazione con la Collezione Maramotti e I Teatri Reggio Emilia. La collezione Maramotti ha sede in via fratelli Cervi 66 a Reggio Emilia.