Ad alta voce, nello spirito della cooperazione l’edizione 2012



E’ giunta alla dodicesima edizione l’iniziativa “Ad alta voce” che coinvolge lettori e scrittori nella lettura di brani tratti da libri famosi e non, ovviamente in pubblico.
Appuntamento il 6 ottobre a Venezia, l’11 a Cesena e il 13 a Bologna con scrittori, attori e personaggi della società civile, tutti impegnati nel proporre le loro pagine preferite al pubblico che ogni anno segue la rassegna sempre più numeroso e attento. Un’intera giornata di letture in luoghi inediti e significativi, con lo scopo di promuovere “Ausilio per la cultura”, il prestito librario a domicilio per anziani e disabili.

E per il 2012, dichiarato dall’Onu Anno internazionale delle cooperative, la manifestazione è dedicata al tema del “cooperare”, nelle diverse declinazioni possibili del suo primo significato di “fare insieme”, che spaziano dal lavoro, alla solidarietà, dalla creatività, al talento, all’innovazione.

A partire da queste suggestioni, una schiera nutrita di personalità – fra gli altri, Lella Costa, Giovanna Zucconi, Paolo Non, Niva Lorenzini, Dario Vassallo, Guglielmo Epifani, don Luigi Ciotti, Tiziano Scarpa, Amanda Sandrelli, Maurizio Fallante, Ritanna Armeni- leggerà brani tratti dai propri libri preferiti in zone o luoghi comunemente non adeguati a questo scopo, come stazioni ferroviarie o piazze.

E sta proprio qui il bello di ‘Ad alta voce”: le pagine e le parole scorrono veloci in posti e spazi inconsueti. Letture pubbliche da condividere.
Per l’occasione sono stati coniati anche neologismi come “cooperai”, che viene associato al cantiere del Mercato di Mezzo della bolognese via Clavature, ora in ristrutturazione. La stessa parola sarà declinata al femminile (“cooperaie”) a Cesena, dove si leggeranno pagine sul lavoro delle donne, con un gruppo di scrittrici e attrici capitanato da Serena Dandini.

E poi, novità tra le novità, c’è “passaparole”: gli stessi ascoltatori saranno chiamati a cooperare, scambiando con altri il proprio libro, magari letto mille volte o mai piaciuto. Si tratta dunque di un vero e proprio bookcrossing. Utile per “liberarsi” di un vecchio libro, ma anche per “arricchirsi” di uno nuovo o diverso. Per conoscere in dettaglio i luoghi e gli orari degli eventi si può consultare il sito www.adaltavoce.it