Il Papa a Milano incontra le famiglie del mondo



Si apre in questi giorni a Milano il Congresso Internazionale Teologico Pastorale (30 e 31 maggio, 1 giugno) in attesa di Benedetto XVI per il VII incontro mondiale con le famiglie. Un programma ricco e multiforme, tra una mattinata che prevede sempre due grandi relazioni in seduta plenaria alla presenza di un Cardinale e di esperti internazionali. Nei pomeriggi saranno affrontati i temi “La famiglia: il lavoro e la festa” attraverso tavole rotonde, brevi comunicazioni, interventi e testimonianze per valorizzare l’esperienza e le storie delle famiglie dal mondo.

Un’unica sede, il MiCo Fiera Milano City (che è il centro congressi più grande d’Europa), per tutte le mattine. Il 31 pomeriggio ci si sposterà nelle città delle diocesi lombarde, l’ 1 giugno pomeriggio in alcuni luoghi significativi di Milano.

La prima giornata, introdotta dall’Arcivescovo di Milano, il cardinale Angelo Scola e dal Presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia, il cardinale Ennio Antonelli, affronterà alcune grandi questioni: dall’immigrazione, alla comunicazione, all’educazione; dagli sguardi sulla macroeconomia, alla cultura e alla politica.

Cuore della mattinata sarà la relazione sapienziale del cardinale Gianfranco Ravasi che declinerà il suo intervento “La famiglia: tra opera della creazione e festa della salvezza” sui temi del VII Incontro mondiale delle famiglie. Il secondo giorno, giovedì 31 maggio, l’attenzione sarà sulla relazione famiglia e lavoro.

Aprirà la mattinata l’Arcivescovo emerito di Milano , il cardinale Dionigi Tertamanzi che rileggerà il tema in una prospettiva di fede, credente. Il pomeriggio, invece, nella diocesi di Bergamo presso il Centro Congressi Giovanni XXIII, vedrà il dialogo sul tema del lavoro tra i giovani e monsignor Giancarlo Bregantini e il sociologo Giuseppe De Rita.

Venerdì 1 giugno, ultima giornata del Congresso, si affronterà la famiglia in relazione alla festa. Protagonista del pomeriggio, presso la Basilica di Sant’Ambrogio, il Priore della comunità di Bose, Enzo Bianchi con un intervento dal titolo chiaro “L’Eucarestia della famiglia nel giorno del Signore”. Sempre nel pomeriggio, la tavola rotonda su giovani e adolescenti tra festa e tempo libero con lo scrittore e psichiatra Gustavo Pietropolli Charmet e lo scrittore Alessandro D’Avenia.

Non sono stati esclusi i ragazzi e i giovanissimi. Anche a loro saranno dedicati momenti di riflessione, di preghiera e di gioco. Tra gli stands: le istituzioni ecclesiali e civili, realtà del non profit (associazioni, onlus, fondazioni), imprese commerciali e sociali che operano al servizio della famiglia. Sono attesi oltre 50mila visitatori.