Il Crocifisso nell’arte: dal Medioevo al Novecento



Comincia domani, domenica delle Palme, la settimana santa. Il protagonista dei riti e delle celebrazioni liturgiche sarà il Crocifisso. Gesù inchiodato alla croce è il simbolo stesso della religone cristiana e in Italia è particolarmente venerato in tutte le chiese locali.

Al Crocifisso nei secoli sono state dedicate numerose iniziative e ancora oggi è il centro di molte manifestazioni e feste popolari. Non parliamo poi delle mostre e dei seminari dedicati alla figura di quest’uomo in croce, di un Dio fattosi uomo.

L’iconografia del Crocifisso è antichissima. Infatti a partire dal V secolo appaiono i primi esempi di rappresentazione della Crocifissione con la figura del Redentore mostrata alla pietà dei fedeli.

In questi giorni sul tema “Il Crocifisso nell’arte: dal Medioevo al Novecento” è stata promossa una conferenza dall’assessorato alla cultura di Nervesa, in provincia di Treviso, che si è tenuta venerdì 30 marzo alle 20 nel municipio montelliano a cura di Roberto Durighetto in memoria di Giuliano Callegari nel decimo anniversario della scomparsa.

In contemporanea è stata allestita una mostra di crocifissi d’epoca e contemporanei con opere di Carlo Balljana, Simon Benetton, Cristina Bettiol, Arrigo Bettiol, Daniela Bottacini, Bruno Donadel, F.M.Conv. Ivano, Achille Dal Secco, Alessandra Della Valentina, Linda Drusian, Sergio Favotto, Angelo Guerra, Isidoro Minute, Daniela Negrini, Elena Ortica, A. Piccolo, Giancarlo Poloni, Danilo Soligo, Guido Speranza, Mario Zago, Nadia Zambon.

La mostra chiuderà i battenti il 15 aprile. Si tratta di un altro evento dedicato al Crocifisso e che stimola la riflessione millenaria sulla figura umana e divina più importante della storia: Gesù.