Visitare l’Umbria in Primavera: scoprila con una vacanza in Agriturismo

Visitare l’Umbria in Primavera: scoprila con una vacanza in Agriturismo


Finalmente è arrivata la primavera, gli alberi sono fiore e l’aria è profumata e sia fra noi mamme che tra i nostri bimbi, dopo questo lungo e freddo inverno che ci ha tenuto quasi prigionieri in casa, c’è tanta voglia di primavera, di giochi all’aperto, di spazi verdi, di contatto con la natura.

E voglia di trascorrere dei fine settimana all’aperto, ma non solo, perché sono in vista le tanto desiderate vacanze di Pasqua e i ponti di primavera, quello del 25 aprile e poi quello del Primo maggio.

Non c’è bisogno di fare lunghi viaggi che con i bimbi piccini sono spesso complicati, ed è presto per portarli a visitare le capitali europee la cui visita rimandiamo a quando saranno più grandicelli. In Italia abbiamo luoghi meravigliosi, ad esempio si può pensare di programmare una bella vacanza per Pasqua in agriturismo in Umbria, la regione d’Italia più verde e posta proprio al centro del nostro Bel Paese sì da poter essere raggiungibile da noi tutti con un breve viaggio.

Magari proprio in un agriturismo per bambini, dove i nostri bimbi tanto tecnologici potranno riscoprire il piacere di vedere degli animali veri, che molti di loro purtroppo quasi non conoscono se non per immagini trasmesse da media e videogiochi: vedere dal vivo una mucca che viene munta, andare a cercare l’ovetto fresco di una gallina e magari poterlo anche “assaggiare” sono esperienze che possono rendere una vacanza un momento indimenticabile.

E finalmente poter correre liberi, senza dover dare la mano, senza dover farli sentire forzati in passeggiate, noiosissime per loro, in supermercati, centri commerciali, strade piene di auto, traffico, pericoli… passeggiate che poi diventano anche fonti di stress per noi e che non sono affatto piacevoli per i nostri bimbi. Passeggiate che non si concluderanno in capricci per ottenere un giochino o un dolcetto ma magari con il piacere di aver raccolto un mazzolino di fiori di campo da far essiccare fra le pagine di un libro, per portarli in dono alle nonne.

Sì, perché oltre a stare all’aperto, la campagna dona il piacere del divertirsi in semplicità, senza dover comprare, ma potendo osservare, odorare, conoscere, sperimentare…

L’odore della campagna in primavera è uno di quelli che ti restano dentro, che ogni bambino dovrebbe poter immagazzinare, conservare nel suo patrimonio di ricordi ed emozioni!

E magari percepire la differenza degli odori: quello del mattino profumato di rugiada, quello delle ore in cui il sole riscalda di più e gli alberi fioriti sprigionano al massimo il loro profumo, quello del tramonto… odori che non siamo più abituati a conoscere. E sapori ovviamente, quelli della cucina semplice e contadina, degli agriturismi, ottimi per grandi e piccini.

Chissà se vi ho fatto venir voglia di andare a consultare le offerte di agriturismi in Umbria, magari unendo alla campagna il lago, con una vacanza vicino al Lago Trasimeno, o il turismo artistico e religioso di Assisi o il cosmopolitismo di Perugia?

Se cerchi degli agriturismo in Umbria clicca qui e segui questo link