A Villa Castelli (BR) la festa della Madonna della Fontana

E’ quasi tutto pronto a Villa Castelli in provincia di Brindisi per festeggiare la Madonna della Fontana il 24 gennaio. II culto per la Madonna della fontana è frutto anche di secolari rapporti avuti con Francavilla Fontana, da cui Villa Castelli ha mutuato la protettrice. Ecco cosa accomuna le due cittadine brindisine. Il 24 gennaio, a Francavilla Fontana, si ricorda il miracolo della fioritura degli ulivi gelati dalle intemperie.

Esso avvenne il 24 gennaio 1420 ed è ricordato dalla tela dipinta da Domenico Carella nel 1782 e conservata nella chiesa Matrice. A Villa Castelli, con chiaro parallelo, si celebra invece il miracolo della fioritura dei mandorli; la Madonna della fontana avrebbe operato il prodigio un 24 di gennaio caratterizzato da temperatura rigidissima.

Ecco cosa tramanda la leggenda popolare. Durante la notte la neve era caduta abbondante e ci si aspettava quindi di scorgere una piatta e bianca distesa, ravvivata magari solo dal fumo delle fornaci nelle quali la pietra calcarea si trasforma in calce viva e che sono in perenne attività.

Nello stupore generale ci si accorse invece che, fra la neve, i mandorli erano fioriti; la data in cui il fatto era accaduto richiamò alla mente quanto secoli prima la Vergine aveva fatto per Francavilla Fontana e costituì segno evidente del suo intervento. Da allora, il culto per la Madonna ha avuto vasta diffusione com’è anche confermato dalle numerose edicole sparse per le strade che attestano pubbliche e private devozioni. Villa Castelli dunque è inscindibilmente legata al culto di Maria e la data del 24 gennaio rimane le festa più importante dell’anno.