Festa degli Alberi a Bologna

Festa degli Alberi a Bologna

Festa degli alberi a Bologna e Casalecchio di Reno: un evento da non perdere!

Tra gli eventi più importanti della città di Bologna non può di certo non essere menzionata l’ormai tradizionale Festa degli Alberi. Una grande occasione per valorizzare la grande opera di Madre Natura, troppo spesso vittima di un egoismo spietato da parte degli uomini.

L’inquinamento che sembra non avere limiti di crescita e la poca attenzione che l’uomo mostra nei confronti della natura stanno letteralmente distruggendo il meraviglioso pianeta che sempre cerca di coccolarci in molteplici modi. Nonostante un comportamento poco ortodosso da parte dell’uomo, sempre più interessato al denaro e con la mente offuscata da un inquinamento che si manifesta in molteplici forme, la natura cerca sempre di donare a tutti infinite meraviglie utili per la vita.

Perché non mostrare un po’ di rispetto? Ecco, questa domanda dovrebbe essere la regola fondamentale di comportamento che ognuno di noi dovrebbe seguire. Niente di più semplice: la natura offre doni preziosi, l’uomo dovrebbe custodirli nel miglior modo possibile. La Festa degli Alberi a Bologna è una importante occasione di rinascita. Piantare nuovi alberi come risposta al pericoloso fenomeno della massiccia deforestazione che sta interessando tantissime aree italiane e nel mondo. Un’occasione per far capire che si può cambiare e che con un semplice gesto si può davvero puntare ad un futuro migliore, per tutti noi e per chi dopo prenderà in custodia questo bellissimo pianeta.

A Bologna, nel vicino comune di Casalecchio di Reno e così in molte altre città italiane, il 21 novembre si celebra questa importante festa, che coinvolge grandi e piccini. Nel vivace e antico capoluogo dell’Emilia Romagna la Festa degli Alberi non dura solo 24 ore, ma diversi giorni, con un calendario ricchissimo di iniziative. Passeggiate nel verde per scoprire i segreti della natura grazie all’aiuto di esperti botanici, laboratori creativi, mostre e tantissimi incontri che ruotano attorno all’importante tema del rispetto della natura. Adulti e bambini piantano alberi nei cortili delle scuole e nei principali parchi della città, cercando di donare nuovo vigore ai polmoni verdi che stanno per essere soffocati dal grigio cemento. Un modo per rendere le realtà urbane più belle e per educare tutti al rispetto dell’ambiente.

festa degli alberi a Bologna

Un po’ del verde del Parco Villa Ghigi a Bologna, dove sempre si svolgono tante manifestazioni durante la Festa degli Alberi (foto Di UgeorgeOpera propria, CC BY-SA 4.0, Collegamento)

La storia della Festa degli Alberi

Abbiamo parlato della Festa degli Alberi a Bologna e nei vicini comuni perché, tra le tante manifestazioni italiane, è quella che spicca per durata e grande partecipazione della cittadinanza.

Qual è la storia di questa festa e da che anno si celebra in Italia? La Festa degli Alberi è un’antica cerimonia nata in ambito forestale per sottolineare che il rispetto della natura deve stare alla base del progresso civile di ogni singola realtà.

Furono i romani i primi precursori di questa festa, soliti tutelare gli alberi per motivi religiosi: i boschi erano consacrati a diverse divinità. Sfogliando antichi e preziosi documenti si è scoperto che la Festa degli Alberi era chiamata dai romani con il nome di Festa Lucaria (19 luglio): riti propiziatori e grandi festeggiamenti per tutti gli alberi piantati nei mesi precedenti per ampliare diverse particelle di bosco.

Dall’epoca dei romani siamo giunti fino al 1872, anno in cui il Governatore dello Stato del Nebraska, Sterling Morton, a seguito di inondazioni e altri catastrofici eventi causati proprio da un irrazionale disboscamento di grandi aree, decise di coinvolgere tutta la popolazione in una attività capace di toccare la coscienza ecologica di tutti. L’idea fu quella di dedicare un giorno dell’anno (Arbor Day) alla piantagione degli alberi, per educare la popolazione al rispetto della natura e per far crescere il patrimonio forestale (dall’incalcolabile valore) del Paese.

La Festa degli Alberi fu celebrata per la prima volta in Italia, proprio sull’esempio dell’Arbor Day promosso dal Governatore Morton, nel 1898, per poi essere istituzionalizzata nella Legge Forestale del 1923. Dobbiamo ringraziare lo statista Guido Baccelli, che in quel periodo ricopriva la carica di Ministro della Pubblica Istruzione, primo a proporre tale importante iniziativa.

Una circolare del 1951 del Ministero dell’Agricoltura e delle Foreste definì il 21 novembre come data ufficiale della Festa degli Alberi in Italia. Oggi sono le Regioni ad occuparsi dell’organizzazione dei tantissimi eventi su tutto il territorio nazionale, rivolti principalmente a rafforzare l’ecologica coscienza di tutti i cittadini.

Sempre più scuole protagoniste della Festa degli Alberi a Bologna

Una manifestazione che coinvolge tutta la popolazione del capoluogo Emiliano, ma anche tutti i comuni limitrofi. Non sono i più piccoli a seguire l’esempio degli adulti, ma in questa speciale occasione sono i più grandi a seguire l’esempio dei bambini.

Infatti, la vera essenza della festa è tutelata dall’operato di moltissime scuole, che promuovono tanti eventi per coinvolgere gli alunni di ogni età. Ogni istituto offre agli studenti la grande possibilità di capire il vero significato della Festa degli Alberi, riportandoli indietro nel tempo e affrontando il tema del rispetto dell’ambiente con attività che nel mondo delle scienze naturali trovano la loro ragion d’essere.

Come non ricordare la Festa degli Alberi che a Bologna, qualche anno fa, ha visto come protagoniste due scuole della città: la Scuola Primaria Gualandi (che promosse l’evento “Un Giardino che cresce”) e la Scuola dell’Infanzia Predrielli (con il “Tavolo dei tesori della natura”). Attività e manifestazioni che hanno permesso ai piccoli alunni delle scuole di diventare i protagonisti della festa: un vero e proprio esempio da seguire!

Per sapere cosa è successo nelle precedenti manifestazioni e per essere aggiornati sul programma Festa degli Alberi 2019 a Bologna e Casalecchio di Reno, cliccate sui due link di seguito ed entrate nella specifica area tematica:

Dettagli Mariano Cheli

..."sentirsi liberi attraverso le parole"... Studente in giurisprudenza amante della scrittura. Adoro giocare con le parole e amo informarmi e scrivere in merito a svariati argomenti. Inoltre, amo il mio Paese e giorno dopo giorno cerco di conoscerlo sempre più a fondo e, attraverso la scrittura e il web, presentarlo a quante più persone possibili, sotto molteplici sfaccettature.