Giro turistico di Belluno



Belluno, capoluogo del Veneto, si eleva sopra uno sperone di roccia a dominio della confluenza del Torrente Ardo con il fiume Piave. Iniziamo il nostro giro turistico della città dalla Piazza dei Martiri, conosciuta con l’antico nome di Campitello e come Piazza del Papa. Questa Piazza, adorna di un bel giardino, coronata da belle costruzioni nuove e dalla graziosa Chiesa di San Rocco, costruita nel 1530, costituisce il vivace centro della vita cittadina.

Attraverso la Porta Dante, che ha in alto il busto del Poeta, raggiungiamo in breve il centro monumentale di Belluno, quello cioè in cui si ammirano i più artistici edifici della città. È composto dalle vicine Piazze Castello e del Duomo. Procedendo in ordine vedremo il Palazzo del Comune, costruito con le parti più belle del Palazzo del Consiglio dei Nobili, demolito due secoli fa. Poi ammiriamo il Palazzo del Tribunale.

Incontriamo così il Duomo del XVI secolo, con accanto il superbo campanile eretto dal grande architetto messinese Filippo Juvara. Nell’ampio e armonioso interno si trovano notevoli opere di pittura e scultura, fra qui la stupenda “arca marmorea” dell’altare della cripta. Poi troviamo la Chiesa della Madonna delle Grazie del XV secolo che attualmente serve da battistero per la parrocchia del Duomo. Vediamo ora il Museo Civico con quadri e memorie del Risorgimento.

Poi ammiriamo il Palazzo dei Vescovi che ospita un modernissimo Auditorium ed il Palazzo dei Rettori, elegantissimo edificio rinascimentale a portici e a logge che fu la sede dei Potestà veneziani. Sul lato destro si innalza la Torre Civica del XII secolo, che è quello che rimane dell’antico palazzo dei vescovi-conti bellunesi. Vicino alla Piazza del Duomo c’è la Piazza del Mercato, suggestiva e pittoresca con le sue costruzioni rinascimentali a portici.

Tra queste costruzioni notiamo il Monte di Pietà, edificio tutto decorato da stemmi. Adorna il centro della piazza una fontana quattrocentesca che, come tante altre fontane delle piazze di Belluno, ha la forma poliedrica ed è coronata da sculture. Portiamo ora nella caratteristica Via Mezzaterra, che corre in mezzo alla Città Vecchia, fiancheggiata da costruzioni venete. Percorrendola verso Sud giungiamo alla Porta Rugo del 1622.

Risalendola verso Nord, invece, attraversiamo la Porta Dojona che ci congiungerà con la Piazza dei Martiri. Concludiamo il giro salendo alla gotica Chiesa di Santo Stefano del 1486, con un nobile interno a tre navate ricco di opere d’arte. Da vedere al suo interno sono l’altare di destra, la Madre del Redentore e gli affreschi della cappella. È interessante anche il giardino della Chiesa. Vi si vedono una fontana del 1573, una colonna con il Leone di San Marco e l’Arca Funeraria di Flavio Ostilio e della moglie Domizia.