Museè de L’OHM, il museo in un comò

L’arte è fatta soprattutto di idee bizzarre e per certi versi ritenute folli. E’ questo il segreto di molti artisti, la loro fantasia è così vasta e infinita cdhe è assolutamente imprevedibile qualsiasi proposta.In questo scenario di sana follia rientra il Museo Mobile di Chiara Pergola. Questo “Museo” sarà visibile al MAMbo, il Museo d’Arte Moderna di Bologna, dall’8 aprile al 15 maggio.  Si tratta del Musée de l’OHM, un museo-mobile collocato all’interno di un comò del XIX secolo. Il suo arrivo sarà segnato da due appuntamenti: da venerdì 8 aprile i visitatori saranno forniti all’ingresso di un foglio numerato e invitati ad agire sull’opera per trattenere una traccia del loro passaggio al museo. Attraverso la tecnica del frottage ciascuno potrà produrre un’impronta delle incisioni realizzate nel 2009 alla galleria neon>campobase, durante l’azione collettiva con cui è stato inaugurato il museo; sabato 9 aprile alla MAMbo children library il Dipartimento educativo gli dedicherà uno speciale laboratorio (bambini da 8 a 11 anni) per comprendere, tramite il gioco e la creatività, come è organizzato un museo e come è possibile allestire ed esporre una collezione d’arte.
Come si evince da questa presentazione, si tratta di un modo nuovo ed originale di avvicinarsi all’arte e soprattutto ai luoghi che la conservano e la propongono alle generazioni, come appunto i musei.