Cosa Vedere a Ostuni, la Città Bianca della Puglia

Cosa Vedere a Ostuni, la Città Bianca della Puglia

Siamo nella provincia di Brindisi, nella Città Bianca della Puglia, ovvero ad Ostuni ; viene chiamato così per via del suo caratteristico centro storico che è interamente dipinto con calce bianca, stile Grecia.

Con Taranto e Santa Maria di Leuca forma uno dei vertici ideale del Salento.

È stato riconosciuto nel 2005 dalla Puglie come “località turistica” e, nel 2009, per la pulizia delle sue acque della sua costo e per la qualità dei servizi offerti ha ricevuto la Bandiera Blu e le cinque vele di Legambiente.

Una delle caratteristiche principali di questo comune di oltre 32 mila abitanti è che sorge su tre colli ad un’altezza di poco più di 200 metri sul livello del mare; è situato a soli 8 km dalla costa adriatica nell’Altosalento.

Vista di Ostuni

Vista di Ostuni –foto di Dronkitmaster (CC BY-SA 3.0)

La città si trova nella parte sud orientale della Murgia, zona carsica ed arida, priva di corsi d’acqua: al loro posto trovano spazio le cosiddette “lame”, letti torrentizi a carattere stagionale, poco profondi e con ripide pareti.

Ostuni era frequentato già nel paleolitico medio, circa 50000-40000 anni fa, da cacciatori neanderthaliani i quali “abitavano” in numerose grotte nella zona collinare, sito che rappresentava un rifugio perfetto per le primitive comunità umane.

Le prime tracce di presidi umani risalgono, invece, al paleolitico superiore quando vennero trovati anche reperti ossei e ceramici.

Tuttavia la testimonianza più eclatante rimane il ritrovamento di Delia, lo scheletro di una donna di circa 20 anni prossima al parto e del suo feto. Il corpo, deposto in una grande buca, è in posizione contratta, col capo ricoperto da una specie di cuffia composta da centinaia di piccole conchiglie.

La Concattedrale

La Concattedrale –foto di Paolo*torino (CC BY-SA 3.0)

Oltre al mare bello e pulito, ad Ostuni risulta essere interessante girovagare per il centro storico, dove si può ammirare la Concattedrale posta alla sommità del colle più alto; iniziata nel 1435 venne completata tra il 1470 ed il 1495. Ha una facciata con forme gotiche; l’Archivio capitolare possiede oltre 200 pergamene dal 1137.

Numerose sono poi, nel territorio, le masserie di cui alcune sono di importanza storico-architettonica.

Meritano una visita anche i siti archeologici, come il dolmen di Montalbano situato nella contrada Piscomarano, che presenta un’altezza di 145 cm e un lastrone di copertura di 200×300, danneggiato in tempi recenti; il Parco Archeologico e naturalistico di Santa Maria d’Agnano, la Torre San Leonardo ed il Castello di Villanova.

25 aprile: Festa degli aquiloni

Il 25 aprile è la Festa della Liberazione e quale migliore occasione per festeggiare tale evento con una giornata al sole della Puglia?

Il circolo LegambienteElaia” di Ostuni organizza la “Festa degli Aquiloni”, un appuntamento con la fantasia, con la creatività e la natura.

Un’occasione per tutti per cimentarsi nell’arte della costruzione degli aquiloni, passare bei momenti all’aria aperta e divertirsi in modo sano con i propri figli o con gli amici.
L’evento avrà luogo nella splendida cornice della zona umida di Fiume Morelli all’interno del Parco regionale delle Dune Costiere.

Durante tutto il corso dell’evento partiranno più visite guidate che daranno la possibilità a tutti i visitatori di conoscere uno dei luoghi naturalisticamente più importanti e più affascinanti della costa ostunese.

La Festa degli Aquiloni di Legambiente avrà inizio alle ore 9,30 del mattino dove verrà insegnato ai partecipanti come costruire un aquilone.

Vento permettendo gli amici del kiteforumpuglia aiuteranno a riempire il cielo di colori grazie ad una dimostrazione di volo degli aquiloni da trazione ed al volo degli appassionati di paramotore.

Durante tutto il corso dell’evento ci saranno visite guidate all’interno della zona umida di Fiume Morelli alla scoperta dei piccoli grandi segreti che il parco nasconde.

Dopo una visita all’antico impianto di acquacoltura andremo alla ricerca degli abitanti del Parco.

Per info e prenotazioni:  legambienteostuni@libero.it  3334348120 / 3403362916.

Clicca qui per scoprire e prenotare i migliori Hotel a Ostuni

Sommario
Data
a proposito di
Ostuni
Voto
51star1star1star1star1star