Tartufesta a Savigno (BO)

Seguici su Google+:

tratufestaDomenica 14 novembre a Savigno, piccolo centro vicino Bologna, la tradizionale “Sagra del tartufo bianco pregiato”, giunta alla 27° edizione. Questa Sagra, che è poi una grande festa di paese, dal 1989 fa parte dell’iniziativa provinciale di Tartufesta, promossa dall’Assessorato alle Attività Produttive della Provincia di Bologna.
Una grande manifestazione che unisce quindici comuni del territorio bolognese – fra i quali Savigno – sotto l’egida dell’aroma di tartufo bianco pregiato dei colli bolognesi.
Fino alla fine di novembre la Tartufesta valorizza le bellezze dei luoghi, la genuinità dei prodotti tipici della zona come funghì, castagne, pasta fatta in casa, frutti del sottobosco, e le specialità gastronomiche locali legate alla tradizione, con una particolare attenzione alle ricette a base di tartufo, grande protagonista della cucina dell’Appennino bolognese. La manifestazione propone anche un ricco programma di spettacoli, eventi culturali, incontri e degustazioni. Per tutta la durata della sagra il centro di
Savigno si arricchisce di numerosissimi stand gastronomici dove assaporare le specialità delle colline bolognesi. Per le vie e le strade del paese si potranno incontrare i “Cantastorie” che intratterranno il pubblico con racconti, zirudelle e musica dal vivo. Dalle 8.30 “Mostra mercato del tartufo”, “Mostra mercato del vecchio e dell’antico” e il “Mercato delle cose buone”; alle 10 il raduno nazionale Club Italiano Lagotto Romagnolo propone il “Campionato italiano ricerca del tartufo”. Interessante anche la passeggiata “L’oro bianco di Savigno” (partenza alle 9): nella valle del Samoggia fino alla tartufaia naturale “Le Vigne” in compagnia di un tartufaio che, con il suo cane, insegnerà i segreti per la raccolta del tartufo.
Questo pregiato tubero sarà dunque il vero protagonista della sagra, anche se il suo uso in cucina è quasi sempre accompagnato da altri prodotti culinari. Ragion per cui la Sagra di Savigno è una sorta di mercato dei sapori e dei “profumi” della gastronomia bolognese.