Viaggio in Provenza: Aix en Provence



www.web-provence.com

www.web-provence.com

La Provenza è un susseguirsi di campi profumati di lavanda, castelli e dimore di campagna, mercati colorati e odorosi di spezie, romantiche cittadine in cui la vita pare scorrere più lentamente che altrove. Regione storica della Francia, situata nella parte meridionale del paese, fra il Rodano e il Delfinato, al confine con l’Italia e il Mediterraneo, costituisce attualmente la Regione Provence-Alpes-Còte d’Azur con capitale Marsiglia. Nei decenni a cavallo tra Ottocento e Novecento molti artisti affascinati dalla luce e dal modo di vivere tranquillo di questa terra paradisiaca diedero l’addio ai freddi paesaggi nordici e al caos delle città. Grandi pittori come Van Gogh, Matisse, Renoir, Signac, Mirò, Chagall, Modigliani e Picasso hanno vissuto e creato in questa terra. Ma è Paul Cézanne – nato è vissuto ad Aix-en-Provence – l’artista che ha più profondamente compreso questa terra e le sue sfumature naturali e spirituali. Aix-en-Provence, detta anche la mini Parigi di Provenza, è una cittadina deliziosa, raffinata e riservata. Fondata dai romani, fu successivamente occupata dai Visigoti, dai Franchi e dai Longobardi. Nel Medioevo fu la capitale della contea della Provenza, ma raggiunse l’apice del suo sviluppo solo dopo il
XII secolo quando si trasformò in un centro artistico e culturale. È divisa in due parti dal Corso Mirabeau, un largo viale alberato su cui s’affacciano abitazioni ricche di decorazioni. La città nuova s’estende verso sud e verso ovest, mentre la città vecchia, con le sue vie irregolari e antiche mura del XVI, XVII e XVIII secolo sale verso nord. Sul corso Mirabeau si erge la cattedrale del Saint Sauveur, costruita tra l’XI e il XII secolo. Sulla facciata troneggia un ricco portale gotico con porte laterali finemente scolpite; il lato nord è fiancheggiato da una torretta incompiuta. L’Hotel de Ville, ancora sede del municipio della città, domina una caratteristica piazza quadrata, in cui si svolge un pittoresco e profumatissimo mercato dei fiori in cui s’è avvolti dalla fragranza di lavanda. A fianco del municipio, rivolta verso la piazza c’è una torre orologio del 1505. Ad Aix ci sono anche molte belle fontane, tra le quali quella del Corso Mirabeau sormontata dalla statua del Bon Roi Rene, conte di Provenza raffigurato con un grappolo d’uva moscata in mano, da lui introdotta nella regione. Proprio passeggiando tra le strade profumate e ordinate di questa cittadina e dei suoi dintorni si ritrovano molti scorci immortalati sulla tela da Paul Cezanne. Aix en Provence è dunque una di quelle mete da raggiungere una volta che si è deciso di fare un viaggio in Provenza. Non dimenticatelo!