San Severino Lucano e la Madonna dell’Abbondanza



San Severino Lucano, posto nel territorio facente parte del Parco Nazionale del Pollino, sorse nel XV sec., quando i Sanseverino di Bisignano donarono il casale e le terre circostanti ai monaci dell’abbazia di Santa Maria del Sagittario i quali, per riconoscenza verso i Sanseverino, le diedero il nome di Casale di San Severino.
Di notevole interesse artistico è la chiesa Madre di Santa Maria degli Angeli, costruita nel 1500, che custodisce una croce processionale del 1600, un crocifisso ligneo del 1500, un prezioso ostensorio, vari dipinti del 1600 ed una scultura lignea del 1500 raffigurante la deposizione di Cristo, opera di Guido Mazzoni. Custodisce la statua della Madonna del Pollino, oggetto di culto in una delle più importanti manifestazioni religiose della Regione. Il Santuario della Madonna del Pollino è situato nel luogo in cui sorgeva la grotta dove, secondo la tradizione, fu trovata la statua in stile bizantino della Madonna. Il territorio di San Severino è costellato da numerosi mulini risalenti al XVIII e XIX secc, situati quasi tutti lungo il corso del torrente Frido.
Il 29 agosto a San Severino si festeggia la Madonna dell’Abbondanza, luminarie e bancarelle animeranno le vie del piccolo borgo lucano.