Da gennaio 2010 a Bologna novità per i mezzi pubblici

atcCon il nuovo anno cambiano i titoli di viaggio sulle linee urbane e interurbane dei trasporti pubblici di Bologna. L’azienda che li gestisce sta preparando una serie di iniziative che rivoluzioneranno il modo di prendere l’autobus e soprattutto miglioreranno la viabilità. La prima novità riguarda il biglietto, che diventerà elettronico, con banda magnetica o microchip, e si dovrà inserire nell’apposita macchinetta presente su ogni mezzo. Su questo biglietto verrà indiocata oltre che alla data e all’ora del viaggio, anche la sua “lunghezza”, cioè i chilometri op le centinaia di metri che si effettueranno con il mezzo per recarsi da un posto ad un altro della città o della zona territoriale. Un esempio: Per viaggiare su percorsi che hanno un estremo esterno all’Area Urbana e l’altro in una Zona Capoluogo, occorrono titoli di viaggio corrispondenti al numero di Zone attraversate; nel caso si vogliano utilizzare anche ulteriori servizi all’interno dell’Area Urbana, è necessario dotarsi di un biglietto o di un multicorse corrispondente ad una Zona aggiuntiva, oppure, se si utilizza un abbonamento, occorre acquistare l’integrazione per quell’Area Urbana. Il costo, seconda novità, non sarà dunque unico, ma varierà proprio in base alla distanza che si intende percorrere. Inoltre, terza novità, il biglietto potrà essere utilizzato anche sui treni regionali o sugli autobus di linea per recarsi in città vicinorie al capoluogo, per lavoro o studio. Tutto ciò rientra in un progetto innovativo chiamato Mi Muovo che l’ATC ha ideato per venire incontro alle tante esigenze di spostamento dei cittadini bolognesi, sempre più restii a usare l’automobile per spostarsi soprattutto nel centro città. Molto presto dunque muoversi a Bologna sarà più facile, non sappiamo però ancora se sarà altrettanto conveniente, visto che le nuove tariffe “a zona” non sono ancora state rese note. Vedremo, anzi scopriremo “strada facendo”.