Alla scoperta degli antichi mestieri: scalpellini, carbonai ed erboristi in Liguria

scalpellinoSiamo giunti all’ultimo appuntamento per questo autunno 2009 con le escursioni guidate e le domeniche all’aria aperta organizzate dal C.T.E. Alpi Liguri. Domenica 18 ottobre sarà l’occasione propizia per conoscere e scoprire l’arte degli scalpellini, dei carbonai e degli erboristi del passato. Questo il programma del giorno.
In mattinata si partirà alla volta di Cènova, patria di abili scalpellini che fra il Quattrocento e il Cinquecento lasciarono tracce della loro maestria in architravi e portali scolpiti nella Valle di Rezzo e in tutto il Ponente Ligure fino a Tenda: un vero museo a cielo aperto apprezzabile passeggiando a “testa in sù” per i suoi carruggi, ma anche occasione del tutto nuova per visitare la sede espositiva a loro dedicata e da poco inaugurata, insieme all’affascinante atelier di una moderna artista della pietra. Prima del pranzo sarà possibile ammirare altri lavori di queste maestranze nel borgo di Lavina, suggestiva frazione del Comune di Rezzo incastonata sul fondovalle lungo le rive del torrente Giara, antico punto di transito sulla Strada del Sale. Nel pomeriggio, la risalita lungo il corso dell’Arroscia condurrà al borgo di Montegrosso Pian Latte, terra di carbonai, che conserva la propria antica vocazione nel Museo della Castagna e nella tradizionale festa di metà ottobre. Dopo una passeggiata nel borgo e la visita alla Parrocchiale di San Biagio, ci si trasferirà a Mendatica per conoscere due moderni artigiani e infine a Cosio d’Arroscia per riscoprirne la secolare cultura erboristica attraverso il Museo “In Herbis Salus”.
Come sempre la partenza sarà da Piazza Dante ad Imperia alle ore 8,45, con un servizio bus navetta gratuito. Il costo per partecipare a tutte le escursioni con guida è di 8 euro. I bambini fino a 10 anni d’età non pagano nulla.
Per info e prenotazioni (utili soprattutto se si decide di pranzare) al numero 0183.38489