Le isole del gusto, rassegna gastonomica ad Oristano

Le isole del gusto

Al via la quarta edizione della rassegna gastronomica “Le isole del gusto” inserita nel cartellone della manifestazione “Mediterranea”, promossa dalla Camera di commercio di Oristano per accompagnare il carnevale oristanese e la Sartiglia. Ventisette gli esercizi in gara, tra ristoranti, trattorie, osterie, agriturismo e ittiturismo.

A loro sino a domenica 1 marzo il compito di far conoscere e apprezzare la cucina tipica locale, attraverso menù che valorizzino le produzioni della terra e del mare e che sposino tradizione e innovazione. Anche quest’anno per tutti gli esercizi in gara è previsto l’impegno ad utilizzare le produzioni del territorio nel confezionamento dei piatti. Inoltre dovranno essere presentati in abbinamento alle portate esclusivamente vini locali. I menu in concorso saranno a prezzo fisso: per i ristoranti si va da 20 a 35 euro e per gli agriturismo da 20 a 25 euro.


Ognuno dei menu in gara sarà oggetto di valutazione da parte di una apposita giuria che valuterà l’armonia e il gusto , la genuinità, il corretto abbinamento dei vini , il servizio, il rapporto qualità/prezzo. Ma anche i clienti potranno dire la loro attraverso la compilazione di un apposito questionario. L’iniziativa è sostenuta anche dalle associazioni di categoria Confcommercio e Confesercenti e dall’associazione dei consumatori Adiconsum, rappresentate nel Consiglio camerale, e ha l’obiettivo di rilanciare e sostenere un settore in crisi, come dichiara il presidente della Camera di commercio di Oristano Pietrino Scanu. 27 sono dunque gli esercizi che partecipano alla rassegna Le Isole del gusto, suddivisi in quattro categorie.

La prima mette a confronto i ristoranti che presentano menù di terra tradizionali. Sono: i ristoranti Su Talleri di Masullas; Il Vecchio Borgo di Baradili; Sa Pintadera di Villa Verde; Paradiso di Laconi; l’Osteria Al Bue Rosso di Seneghe; gli agriturismo Bentu e Soi di Oristano; Serras D’Ala di Siamaggiore; Sa Matta Frisca di Morgongiori; Sa Lorighitta di Morgongiori; Il Melograno di Arborea. La seconda sezione è dedicata ai piatti di terra innovativi. In gara il ristorante La Romantica di Torre Grande gli agriturismo S’omu de Zuanni Perra di Baratili, Montiferru di Scano Montiferro, Archelao di Oristano. Terza sezione in gara per i menù di mare tradizionali. Partecipano il ristorante Mistral 2 di Oristano, Su Soi di Cabras; Cibò Qibò di Terralba, La Forchetta d’Oro di Oristano; Il Buongustaio di Terralba; la Trattoria Sa Cariasa di Modolo; l’ittiturismo Sa Pischera ‘e Mar’e Pontis di Cabras. Infine la sezione dei piatti di mare innovativi. In gara il ristorante Fusion, di Marrubiu; l’Hotel Villa delle Rose di Oristano; i ristoranti Gallo Bianco, di Arborea; Da Giovanni di Torre Grande; Al Gambero Rosso di Bosa; La Pulce Rossa di Bosa.

Tour consigliati