Alla corte di Federico, saperi e sapori



castelllo.jpg

Cultura dall’arte alla tavola. Binomio perfetto che la Proloco di Andria ha concretizzato in un programma di visite guidate fra arte e sapori, in 11 comuni che, secoli or sono, furono baciati dallo sguardo austero di Federico II. Segnaliamo un appuntamento in particolare, il 13 luglio, un itinerario che ha come punto di partenza lo splendido e magico Castel del Monte, patrimonio Unesco.

Dopo aver ammirato il castello, i visitatori potranno godersi una ricca fiera agro alimentare ad Andria, in Viale Crispi, con degustazioni di prodotti tipici.

Non mancheranno, tra le aziende espositrici, caseifici (con la buona burrata e la mozzarella), i panifici (con i taralli al forno e bolliti), gli oleifici che proporranno i loro oli (ricordiamo che
la Puglia vanta 5 oli d.o.p., tra cui l’extravergine dauno) ed ancora aziende vitivinicole. Nel trionfo dei sapori genuini tipici, un goccio del Moscato di Trani o del Castel del Monte d.o.c. non potrà mancare.

Il Moscato di Trani, prodotto in undici comuni limitrofi, é d.o.c. dal 1974. Dolce, adatto ad accompagnare anche amaretti e pasticcini alle mandorle, è figlio di una tradizione vinicola che nella zona risale all’età fenicia. Non a caso nell’antico dialetto milanese per indicare l’osteria si diceva “trani”, alludendo al porto di Trani da cui si esportavano i vini. Parlando del Castel del Monte D.o.c va ricordato che può essere bianco, rosso o rosato. Il bianco si ottiene da vitigni Pampanuto, Chardonnay e Bombino Bianco; il rosso si produce con Uva di Troia, Aglianico, Montepulciano; il rosato con vitigni Bombino nero, Aglianico, Uva di Troia. Il programma è scaricabile dall’indirizzo http://www.pugliaimperiale.com/contents/doc/andriasapori.pdf