Visitare il Colosseo a Roma

Visitare il Colosseo a Roma

Amphitheatrum Flavium, così era anticamente chiamato il Colosseo, uno dei simboli di Roma, della Città Eterna. Uno dei simboli o “il simbolo”? Domanda a cui è davvero difficile dare risposta, ma una cosa è certa: il Colosseo è una delle attrazioni più visitate in tutto il mondo.
Qual è il più grande anfiteatro del mondo? Sì, ora è facile rispondere! È proprio l’Anfiteatro Flavio, imponente monumento della Roma Antica e oggi, insieme a tutto ciò che lo circonda, cioè le meraviglie del centro storico della città, inserito nella lista dei Patrimoni dell’Umanità UNESCO.
Visitare il Colosseo significa arrivare al cuore di Roma. È questo un ottimo punto di partenza per un soggiorno indimenticabile nella capitale italiana.
Una struttura impressionante, di forma ellittica e con una circonferenza di 527 metri, che poteva contenere fino a 70.000 persone, pronte ad assistere agli eventi che si svolgevano in un’arena di circa 76mx46m.  
Perché visitare il Colosseo? Beh, se volete perdere una delle “meraviglie del mondo”, nonché attrazione più prenotata del pianeta, fate pure. Per esser riuscito a conquistare un posto sulla lista del 7 luglio 2007, fatta a Lisbona, riguardante le 7 Meraviglie del mondo (fu fatto un vero e proprio sondaggio universale a cui parteciparono oltre 100 milioni di persone), qualcosa di bello e caratteristico dovrà pur avere!

Come si presenta oggi il Colosseo?

Il tempo passa per tutti!
Così come le rughe invecchiano il viso delle persone, crepe e cedimenti strutturali hanno interessato il grande Colosseo. Nessuna paura, è sempre lì, bello come un tempo… o quasi!
Come si presenta il Colosseo oggi, o meglio cosa ci si deve aspettare prima di visitare l’anfiteatro più grande del mondo costruito all’epoca dell’Impero Romano?
Dal 72 d.C. (circa), anno di inizio dei lavori, di tempo ne è passato, ma pochi sono quelli che son trascorsi per vedere questa imponente opera finita. Anche se svariate sono state le modifiche, già nell’80 d.C. la struttura era finita nelle sue parti essenziali. Incredibile, vero? Oggi… meglio non fare paragoni!
Combattimenti tra gladiatori, scontri tra belve selvagge e uomini, esecuzioni di condannati, rappresentazioni drammatiche che riprendevano l’essenza della mitologia romana, corse sui carri, battaglie navali (sì, anche questo faceva parte del grande spettacolo) e tanto altro. Questo offriva il Colosseo, per questo era stato costruito. Un grande spazio, una vera e propria opera d’arte architettonica, dove migliaia e migliaia di romani potevano gridare e supportare i gladiatori (o la belva di turno, “De gustibus non est disputandum”) in un clima di festa molto particolare.

Oggi? Nonostante l’età il Colosseo ha conservato il suo immenso fascino, riuscendo ad attirare più di 5 milioni di visitatori ogni anno. Niente male! Un numero che sembra non voler scendere per il futuro (per fortuna). Attraversare gli archi di ingresso e incamminarsi tra i corridoi dell’Anfiteatro Flavio è elettrizzante. Il desiderio di tutti è quello di vedere la famosa arena dei gladiatori che… non è proprio come riprodotta nei film dei più grandi registi del mondo. Ciò che oggi si può vedere è l’Ipogeo, un grande sistema di tunnel che abbraccia quelle che un tempo erano le stanze utilizzate per le esercitazioni dei combattenti, le gabbie degli animali e le prigioni dei condannati a morte. Lo spettacolo resta incredibile, unico!

Cosa vedere al Colosseo (e vicino)

Il miglior modo per visitare Roma è prendere parte a tour organizzati, seguendo guide esperte in grado di soddisfare ogni desiderio di conoscenza, con la certezza di non perdere neanche una delle principali meraviglie che rendono così affascinante la città.
Stessa regola vale anche per visitare esclusivamente il Colosseo. Tutti i tour prevedono l’accesso alle due principali aree visitabili dell’anfiteatro:

  • I sotterranei: qui si svolgevano tutti i preparativi per gli spettacoli, proprio sotto la famosa arena che si può solo vedere nelle pellicole dei più bei film d’autore o in ricostruzioni 3D fatte da esperti. Tutto il sistema di cunicoli, di botole e montacarichi erano all’inizio abbracciati da una struttura in legno che, solo con Domiziano, fu trasformata in una imponente opera in muratura. Si possono percorrere ben 14 corridoi, posti simmetricamente al grande corridoio centrale, che portano alle cosiddette “camere di manovra”.
  • Terrazza del Belvedere: i posti all’interno del Colosseo erano assegnati seguendo un rigido criterio gerarchico. La vista migliore era quella di cui godeva, ovviamente, l’imperatore (il palco imperiale si trovava sull’asse minore dell’anfiteatro, proprio in corrispondenza dell’ingresso meridionale). Anche i senatori romani non avevano di che lamentarsi, avendo a disposizione i posti più vicini all’arena. Più si saliva, peggiore era la vista (un po’ come nei moderni stadi di calcio). La Terrazza del Belvedere del III livello si trova proprio sotto il portico colonnato che coronava la cavea: qui si poteva accomodare la plebe su sedili lignei non proprio comodissimi. Quest’area è oggi visitabile e offre la possibilità di ammirare gran parte della struttura interna del Colosseo.

Passeggiare tra i cunicoli sotterranei, per poi tornare alla luce del sole dall’alto della Terrazza del Belvedere è un’esperienza che mette i brividi, nel senso buono ovviamente.

L’interno del Colosseo

A pochi passi si trovano altri due siti molto importanti:

  • Foro Romano: il vecchio cuore politico di Roma, prima alimentato da una serie di arterie stradali che si diramavano tra piazze ed edifici che più volte, per mano del tempo, hanno cambiato la loro forma. Oggi un sito archeologico unico al mondo.
  • Palatino: dove sorgevano le residenze aristocratiche e i più lussuosi palazzi imperiali. Passeggiare coccolati dalla storia e dall’arte: qui è possibile.

Foro Romano, nel bel mezzo della Città Antica

Quando andare al Colosseo?

Siete a Roma? È questo il momento migliore per visitare il Colosseo!

Non esistono periodi più indicati o sconsigliati per entrare in questo affascinante anfiteatro. Il “cuore di Roma” è preso d’assalto, proprio come ogni altro luogo di interesse, in ogni giorno dell’anno. L’unica cosa da fare è programmare una vacanza di qualche giorno nella Capitale e prenotare un tour (magari con l’opzione salta-fila). Fidatevi, è l’unica cosa intelligente da fare per non rimanere tante ore in fila, magari sotto il sole, delusi e… fuori!
Da non dimenticare è che la prima domenica del mese l’ingresso è gratuito e… la fila sarà lunghissima. Ma se il vostro desiderio principale è quello del risparmio (poco intelligente in questo caso) fate pure.

Quanto costa il biglietto per entrare al Colosseo?

Il costo del biglietto (biglietterie in loco), senza riduzioni, è di 16,00 euro per una giornata (un solo accesso al Colosseo e un solo accesso all’area archeologica del Foro Romano-Palatino e Fori Imperiali) o di 22,00 euro per una esperienza a 360° (accesso al Foro Romano, Fori Imperiali, Palatino, Siti Super, Colosseo compresi Arena o Sotterranei, per due giorni consecutivi).

Quanto dura la visita al Colosseo?

Il tempo che è possibile passare all’interno dell’Anfiteatro Flavio dipende direttamente dal tour scelto. Per una visita dettagliata e senza fretta, sia del Colosseo che dell’altro sito Palatino/Foro Romano, si parla di poco più di 3 ore. Quindi, il miglior modo per rendere indimenticabile il proprio viaggio a Roma è trascorrere mezza giornata alla scoperta di questi siti patrimonio dell’UNESCO.

Orari

Gli unici due giorni di chiusura sono il 25 dicembre e il 1 gennaio. Durante tutti gli altri giorni si osservano i seguenti orari:

  • 30 – 16.30
    dal 2 gennaio al 15 febbraio
  • 30 – 17.00
    dal 16 febbraio al 15 marzo
  • 30 – 17.30
    dal 16 marzo all’ultimo sabato di marzo
  • 30 – 19.15
    dall’ultima domenica di marzo al 31 agosto
  • 30 – 19.00
    dal 1 settembre al 30 settembre
  • 30 – 18.30
    dal 1° ottobre all’ultimo sabato di ottobre
  • 30 – 16.30
    dall’ultima domenica di ottobre al 31 dicembre.

Altre informazioni utili si possono trovare sul sito ufficiale www.parcocolosseo.it

Quale tour prenotare per visitare il Colosseo?

Come già anticipato, sono diversi i tour tra cui scegliere in base alle proprie esigenze. In primis ci sono quelli che prevedono l’esclusivo ingresso al Colosseo dopo il tramonto con proiezioni virtuali per un’esperienza sensazionale, altri in compagnia di esperte guide che forniranno dettagliate informazioni dal punto di vista topografico, architettonico e artistico (utile per scuole di ogni ordine e grado) oppure specifici tour per visitare l’area sotterranea.

Quale scegliere? Abbandonate la fretta e concedetevi qualche ora per sentirvi parte viva dell’antico Impero Romano. Il miglior tour (sempre con opzione saltafila) è quello che prevede non solo la visita completa del Colosseo (gradinate e sotterranei), ma anche l’ingresso presso i siti del Foro Romano (dove un tempo si potevano trovare bancarelle, templi e la casa del Senato) e presso il Palatino (uno dei sette colli di Roma dove furono allevati dalla lupa Romolo e Remo).

(vedi tutti i tour e le visite guidate al Colosseo).

 

 

 

 

 

Dettagli Mariano Cheli

..."sentirsi liberi attraverso le parole"... Studente in giurisprudenza amante della scrittura. Adoro giocare con le parole e amo informarmi e scrivere in merito a svariati argomenti. Inoltre, amo il mio Paese e giorno dopo giorno cerco di conoscerlo sempre più a fondo e, attraverso la scrittura e il web, presentarlo a quante più persone possibili, sotto molteplici sfaccettature.