Itinerario di viaggio nelle Terre del Chianti: da Firenze a Empoli

Itinerario di viaggio nelle Terre del Chianti: da Firenze a Empoli

Un itinerario di circa 236 km in quella che può essere tranquillamente definita come una delle zone più affascinanti della Toscana: le Terre del Chianti. Strade statali e provinciali che da Firenze si snodano fino a Empoli, passando per Siena e altre piccole realtà che riusciranno a farvi vivere incredibili emozioni. Un panorama dominato da ordinati vigneti, olivi e cipressi che circondano antichi casolari e borghi fortificati.

Nelle terre del Chianti: un paesaggio “divino”!

La Toscana, con le sue colline che dolcemente accompagnano i viaggiatori in romantici e suggestivi saliscendi, riesce sempre ad incantare ogni visitatore. Ogni località ha il suo “perché”, la sua storia da raccontare, il suo indescrivibile fascino. Trascorrere qualche giorno di vacanza in questa regione significa volersi bene. Qui è possibile non solo visitare borghi antichi dove ancora si respira un’aria medievale, ma anche rilassarsi immersi in un territorio dove il verde è il colore dominante, accompagnato da altri naturali colori che dipingono un paesaggio dove natura e edifici riescono ancora oggi a convivere in una dolce armonia.

Firenze? Siena? Empoli? Monteriggioni? Dove andare? Per eliminare ogni dubbio, ecco un fantastico itinerario che permette di ammirare tutte queste località (e molte altre) in un sol colpo di 236 km. In auto o in moto non fa alcuna differenza, perché percorrere queste strade sarà come volare, liberi da ogni pensiero e con increduli occhi che resteranno spalancati per tutto il tempo.

Una vacanza nelle Terre del Chianti è una saggia scelta! Natura, cultura, ottimo cibo bagnato da vini sensazionali e tanto divertimento. Partiamo?

Firenze, culla del Rinascimento

Il nostro viaggio inizia proprio dalla bellissima Firenze. Una città elegante fatta di edifici storici dalle raffinate linee architettoniche e opere d’arte di immenso valore: è questa la Culla del Rinascimento. Un solo giorno non basta per ammirare tutto quello che di bello ha da offrire questa città, punto di riferimento per la cultura italiana e punto di partenza del nostro itinerario. La Basilica di Santa Maria del Fiore con la sua bellissima cupola progettata dal Brunelleschi e il campanile di Giotto è la principale attrazione di Piazza Duomo, cuore pulsante del centro storico. Di certo non può mancare una romantica passeggiata lungo Ponte Vecchio e una sosta, magari per assaggiare qualche specialità locale, presso Piazza della Signoria. Sarà difficile lasciare Firenze! Immaginate di dover abbandonare una seducente e bellissima donzella che ha rapito il vostro cuore e vi ha stretto per ore in un caldo abbraccio… ecco perché non è mai semplice dirigersi verso altre mete e lasciarsi alle spalle questa magnifica città.

Però, prima di salire in macchina o sulla moto, un bel saluto dal Piazzale Michelangelo è obbligatorio. Eccola, Firenze è lì. Elegante e silenziosa, che dal basso sembra salutare con aria mai del tutto triste il visitatore di turno.

È ora di partire per raggiungere un’altra città meravigliosa della Toscana: Siena.

Non sono tanti i chilometri che separano le due città, ma numerose sono le bellezze che si presentano lungo le strade che abbiamo deciso di proporvi.

Impossibile resistere al fascino della città di Firenze, culla del Rinascimento

Alla volta di Siena

Da Firenze si seguono le indicazioni in direzione Impruneta, un comune di circa 14.600 abitanti e celebre soprattutto per l’industria della terracotta. Tra le principali cose da vedere in quest’altra tranquilla realtà urbana c’è la Basilica di Santa Maria dell’Impruneta che si affaccia su un’ampia piazza. Una sosta veloce per gustare un buon caffè e via, si riparte per raggiungere Greve in Chianti.

La strada da percorrere è così rilassante che ogni cattivo pensiero abbandonerà la vostra testa, così come lo stress accumulato. Si sale e si scende su morbidi pendii dalle vedute mozzafiato: vigneti e oliveti colorano con delicate tonalità un paesaggio che non è possibile trovare in nessuna altra zona dello stivale italiano.

Abbandonando la caratteristica strada Chiantigiana si procede in direzione San Paolo in Chianti, ammirando squarci paesaggistici straordinari sulla Valle dell’Arno, fino all’imbocco della Strada del vino Chianti Classico (gli itinerari enogastronomici in Toscana sono pilastri portanti di un turismo in forte espansione).

Il piccolo comune di Greve in Chianti è proprio lì, pronto ad accogliere tutti con il suo curato centro storico. Il fulcro di tutto l’assetto urbano è Piazza Matteotti, con i suoi portici e le terrazze che conducono fino alla Chiesa di Santa Croce. È questo il momento giusto per concedersi un’altra pausa e farsi coccolare dalla tranquillità di questo caratteristico borgo.

Siena è poco distante, ma prima consigliamo altre 3 piccole soste:

  • Radda in Chianti, che sorge sul colle che divide le valli solcate dai torrenti Pesa e Arbia, offre uno scenario diverso. Dal classico paesaggio collinare toscano si passa ad uno scenario montano con fitti boschi. Radda in Chianti è un borgo che ancora conserva l’impostazione urbanistica medievale originaria, con resti di mura e torri di avvistamento.
  • Badia a Coltibuono, a pochissimi chilometri dal borgo appena citato, ospita una bellissima chiesa romanica, proprio lì dove un tempo si trovava un grande complesso abbaziale.
  • Gaiole in Chianti, altro caratteristico borgo circondato da castelli medievali di rara bellezza. Utilizzando come punto di riferimento proprio il centro mercatale di Gaiole in Chianti, possiamo tranquillamente far rientrare nell’itinerario proposto anche il Castello di Meleto, il Castello di Brolio e quello di Vertine.

Mancano meno di 30 chilometri per raggiungere la bella Siena, città dai romantici vicoletti e dall’atmosfera tranquilla. Cosa vedere a Siena? Non è di certo una metropoli e una sola giornata può bastare per visitare i luoghi più suggestivi, tra cui Piazza del Campo, proprio dove ogni anno si tiene la grande manifestazione del Palio e dove si affaccia il Palazzo Pubblico, che è il cuore pulsante del turismo cittadino. Un consiglio: fermatevi in uno dei tantissimi ristorantini che affacciano sulla piazza e ordinate un buon caffè e qualche dolce sfiziosità tradizionale. Non c’è modo migliore per ammirare questa bellissima piazza in totale relax.

Piazza del Campo – Siena

Empoli, capolinea di questo rilassante itinerario

Sono meno di 90 i chilometri che separano Siena da Empoli. Dalla Città del Palio si parte in direzione Firenze lungo la strada Cassia, fino a raggiungere uno spettacolare borgo fortificato. Monteriggioni, baluardo della città di Siena ai tempi delle lotte contro Firenze, è completamente circondato da alte mura e caratteristiche torri risalenti al XIII secolo. Una passeggiata nel centro storico è quello che serve per fare un piccolo salto indietro nel tempo: magica è l’atmosfera di questo borgo toscano.

Prima di raggiungere Empoli consigliamo di passare per Castellina in Chianti, che affaccia sulle Valli della Pesa e dell’Elsa, un tempo roccaforte della potente Firenze; Poggibonsi, dove obbligatoria è la sosta per visitare il Castello Magione, nominato nel 2012 come una delle 1000 Meraviglie d’Italia; Tavernelle Val di Pesa, immersa tra le colline del Chianti e un tempo importante stazione di sosta lungo la romana via Cassia.

Da Tavernelle di Val Pesa sono circa 45 i chilometri da percorre per raggiungere Empoli, cittadina tutta da scoprire con una antica tradizione artigiana legata alla lavorazione del vetro, passando per altri caratteristici borghi (San Casciano in Val di Pesa e Montespertoli).

L’itinerario proposto di certo non è il più breve per raggiungere Empoli da Firenze, ma è il più affascinante. Le strade da percorrere si snodano in un paesaggio incantevole e conducono in punti dove sconosciuto è il turismo di massa e dove la bellezza si ammira in ogni dove.

Cosa assaggiare nelle Terre del Chianti

Forte è il turismo enogastronomico in Toscana, terra della buona cucina e del buon vino. Proprio sul vino desideriamo svelarvi una “chicca”: il Gallo Nero (Lega del Chianti) , simbolo della produzione DOC e DOGC del vino rosso Chianti, ha origini medievali. È stato utilizzato per la prima volta nel XIV secolo come simbolo della “Liga e societas de Chianti” (una lega di comuni strappati al dominio senese e amministrati da Firenze).

Sul vino non ci sono dubbi: impossibile resistere al profumo e all’avvolgente sapore del Chianti qui prodotto. Come accompagnare un bel calice di vino? La Toscana è una terra dove anche i più raffinati ed esigenti palati possono trovare la massima soddisfazione. Un’antica trazione culinaria che offre tantissimi piatti che nella semplicità e nei sapori di un tempo trova la sua massima espressione. Salumi locali e crostini con fegatini sono sempre presenti in tutti i taglieri ben presentati per un antipasto sublime; ribollita e pappardelle alla lepre sono i primi piatti più gettonati per chi ama i sapori più forti; fagiano al forno e fagioli all’uccelletto dominano tra i secondi piatti; panforte e zuccotto sono ottimi per concludere un pasto da re!

Eventi e manifestazioni da non perdere

Tanti eventi e manifestazioni di ogni genere: i toscani sanno davvero come divertirsi! Tra i tantissimi appuntamenti che riempiono i calendari dei comuni della terra del Chianti eccone alcuni tra i più famosi:

  • Scoppio del Carro: manifestazione della tradizione popolare laico-religiosa che si svolge la domenica di Pasqua a Firenze.
  • Festa dell’Uva a Impruneta: l’ultima domenica di settembre si svolge una festa straordinaria in una magica e suggestiva cornice. Costumi tradizionali, musica e tanto divertimento per una manifestazione che dal 1926 attira visitatori da ogni parte del mondo.
  • Mostra mercato del Chianti Classico a Greve in Chianti (settembre): una delle più importanti manifestazioni per degustare le più pregiate bottiglie del Gallo Nero ed entrare nel vivo di un mercato in continuo sviluppo.
  • Palio di Siena (2 agosto-16 agosto): per ben due volte le contrade della città si sfidano in una gara equestre di origine medievale. È una manifestazione conosciuta in tutto il mondo e che ogni anno attira un numero sempre maggiore di curiosi. Da non perdere!
  • Mostra del Chianti di Montespertoli: importanti eventi che animano il borgo tra la fine di maggio e l’inizio del mese di giugno. Un’occasione da non perdere sia per visitare una realtà che sul vino fonda la propria cultura e identità socio-economica, ma anche per ammirare le belle colline toscane e assaggiare uno tra i vini più buoni del mondo. Si ricorda che il territorio di Montespertoli, così come si può leggere anche sulla pagina dedicata all’evento, conta oltre 2140 ettari di vigneti e 60 milioni circa di bottiglie all’anno, dominando come primo produttore di Chianti nel mondo.

Piazza del Campo a Siena durante le gare del Palio

Indirizzi e numeri utili

Ecco alcuni indirizzi web e numeri utili:

 

Dettagli Mariano Cheli

..."sentirsi liberi attraverso le parole"... Studente in giurisprudenza amante della scrittura. Adoro giocare con le parole e amo informarmi e scrivere in merito a svariati argomenti. Inoltre, amo il mio Paese e giorno dopo giorno cerco di conoscerlo sempre più a fondo e, attraverso la scrittura e il web, presentarlo a quante più persone possibili, sotto molteplici sfaccettature.