La Madonna del Pollino



Santuario della Madonna del Pollino

A San Severino Lucano, in provincia di Potenza, dal 28 giugno al 1° luglio si festeggerà la festa della Madonna detta del Pollino. Si tratta di un ricco cerimoniale che porterà i fedeli della madonna a salire difficoltose strade per giungere in alta montagna, presso il santuario, in peregrinazione. Il Santuario della Madonna del Pollino sorge infatti su uno sperone roccioso, in posizione panoramica su tutta la valle del Frido.

Proprio al santuario vengono ripetuti antichi gesti di preghiera e ringraziamento, che questa gente montana e tradizionalista si tramanda da generazioni di madre in figlia e di padre in figlio. Intorno al santuario si sviluppa la festa, con arrosto di capretti ed agnelli all’aperto, e l’organizzazione del pernottamento all’esterno, per chi anche durante la notte vuole restare accanto al luogo sacro. L’indomani musiche e danze locali accompagneranno la processsione che ridiscenderà in paese, trionfante.

Il paese di San Severino Lucano ha origine intorno al XV secolo, e il suo territorio appartenne al feudo della famiglia dei Sanseverino, da cui trasse il nome. Fu solo nel 1806 che San Severino divenne comune. Dopo l’unità d’Italia il brigantaggio fu molto attivo nel territorio comunale; era favorito, come d’altronde nell’intero comprensorio del Pollino, dalle montagne impervie come dalla mancanza d’infrastrutture e strade.


Di quegli anni bui restano molti toponimi, come ad esempio il fosso del Brigante, e molte memorie storiche, come la figura losca e delittuosa del Capitano Iannarelli, che compì stragi ed esecuzioni anche di civili. Di questo leggendario bandito si conservano la casa che abitò in paese e il mulino segheria in località Mezzana. La festa religiosa avviene proprio sul Monte Pollino e dura tre giorni: il giovedì, il venerdì e il sabato precedenti la prima domenica di luglio.

Commovente è l’arrivo al Santuario che tanti raggiungono a piedi scalzi, in segno di penitenza e di riconoscenza per grazie ricevute. La Vergine viene accompagnata sul monte, processionalmente, la prima domenica di giugno, dove rimane fino alla seconda domenica di settembre, quando viene traslata nella Chiesa Madre di San Severino Lucano.
Da giugno a settembre il Santuario è aperto tutti i giorni.