Benedetto XVI a Leuca: ecco il programma della “due giorni”

Tutto è pronto nel Salento per accogliere S.S. Benedeto XVI in visita a Santa Maria di Leuca nel week end di metà giugno. Aree di sosta fuori dalla zona del Santuario e bus navetta garantiranno e disciplineranno gli arrivi delle decine di migliaia di fedeli attesi. Papa Ratzinger viene per la prima volta in questa Terra d’Otranto da dove si rivolgerà soprattutto agli operatori del mare per dare loro parole di speranza e di conforto. Il santuario di Santa Maria De Finibus Terrae è il luogo ideale per chi vede nel mare la prima fonte di ricchezza ma anche di pericolo. Da sempre il mare porta con sè gioie e dolori, ricchezza e povertà, speranze e delusioni che qualche volta sfociano in drammi e disgrazie. Le vittime del mare sono molte e per varie ragioni. Anche a loro Papa Ratzinger rivolgerà un pensiero.
Questo è il programma ufficiale della visita del Santo Padre a Leuca per i giorni 14 e 15 giugno.

Sabato 14 giugno 2008                                                                                                 

15.00 Partenza del Papa dal Vaticano per Ciampino

15.30 Partenza dell’aereo dall’ aeroporto di Ciampino per Galatina
16.30 Arrivo all’aeroporto militare “Fortunato Cesari” di Galatina. Partenza in elicottero per Leuca
16.50 Arrivo a Leuca – Punta Ristola, dove lo attendono:

Il vescovo di Ugento mons. Vito De Grisantis, il rappresentante del Governo italiano, l’Ambasciatore italiano presso la Santa Sede Antonio Zanardi Landi, il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, il Prefetto di Lecce Gianfranco Casilli, il Presidente della Provincia di Lecce Giovanni Pellegrino, il Sindaco di Castrignano del Capo Antonio Ferraro, il Nunzio apostolico in Italia mons. Giuseppe Bertello.

Partenza del corteo papale, con tre auto (la prima quella del papa) lungo il percorso del lungomare Cristoforo Colombo di Leuca con passaggio presso il porto turistico.
17.15 Arrivo al Santuario, dove lo accoglierà il Rettore don Giuseppe Stendardo

– Preghiera del papa davanti all’altare della Madonna

– Preparazione per la Santa Messa.

17.30 Inizio celebrazione eucaristica, con i saluti del vescovo della diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca mons. Vito De Grisantis
19.15 Partenza del papa per Punta Ristola
19.30 Partenza dell’Elicottero per Brindisi

Ore 20.00 Arrivo di S.S. Benedetto XVI, atterraggio in via Spalato.

Accoglienza da parte delle Autorità. Alla scaletta dell’elicottero il Santo Padre è accolto da: S.E. Mons. Rocco Talucci, Arcivescovo di Brindisi – Ostuni; Rappresentante del Governo Italiano; S. E. il Signor Antonio Zanardi Landi, Ambasciatore d’Italia presso la Santa Sede; On. Nichi Vendola, Governatore della Regione Puglia; Dr. Mario Tafaro, Prefetto di Brindisi; On. Domenico Mennitti, Sindaco di Brindisi; Dr. Michele Errico, Presidente Provincia di Brindisi.
Terminato il saluto le Autorità civili precedono il corteo papale al luogo dell’incontro con la città.
Trasferimento in papamobile verso piazzale Lenio Flacco.

Ore 20.30 PIAZZALE LENIO FLACCO: Accoglienza festosa dei giovani, incontro e saluto della città.

Indirizzo di saluto del Rappresentante del Governo Italiano
Indirizzo di saluto del Sindaco, On. Domenico Mennitti.
Saluto del Santo Padre

Al termine, il Santo Padre rientra in Episcopio dove trascorrerà la notte.

Domenica 15 giugno 2008

Ore 9:00 Il Santo Padre incontra nella cappella dell’Episcopio le Suore di Clausura della diocesi.
Ore 9:30 Il Santo Padre lascia l’Episcopio e, in papamobile si reca a Sant’Apollinare.
Ore 10:00 Zona SANT’APOLLINARE: Celebrazione Eucaristica.
Ore 12 Recita dell’Angelus
Al termine il Santo Padre rientra in Episcopio per il pranzo
Ore 16.30 Visita alla Basilica Cattedrale
Adorazione del Santissimo Sacramento e incontro con i Sacerdoti e i Seminaristi della diocesi.
Ore 17.00 partenza in papamobile per l’Aeroporto Militare “O. Pierozzi”

Alla scaletta dell’Aereo il Santo Padre si congeda dalle Autorità che lo hanno accolto all’arrivo.

Il popolo salentino, da sempre accogliente, ha ancora una volta dimostrato la sua apertura verso gli altri mettendo a disposizione dei fedeli numerose strutture ricettive, alcune anche gratuite, onde garantire a tutti la possibilità di assistere a questo, che senza tema di smentita, può definirsi sicuramente l’evento dell’anno per tutto il Salento.