Tre splendide mete per una vacanza in bici con la famiglia

Tre splendide mete per una vacanza in bici con la famiglia

Una vacanza in bici con la famiglia: il modo giusto per trascorrere dei meravigliosi momenti

 Avete mai pensato di trascorrere una vacanza in bici con la famiglia?

Visitare le bellezze di un luogo, pedalando in compagnia delle persone che più si amano e con il vento tra i capelli è un’esperienza da fare. Negli ultimi tempi il cicloturismo sembra esser diventato una moda, visto come la nuova frontiera del turismo.

Ma, se tutto questo deve essere considerato come la moda del momento ben venga, anzi speriamo che duri nel tempo.

Il tanto amato mezzo a due ruote, ecologico al 100% e amico della salute, si sta trasformando da compagno di tante giornate cittadine e amico del week end per lunghe passeggiate, in un vero e proprio compagno di avventure per vacanze davvero entusiasmanti.

Gli scettici però non mancano e definiscono la vacanza in bicicletta come un qualcosa lontano anni luce dal vero relax. Non è così, dato che la bicicletta riesce sempre ad unire in modo magico tutti i vantaggi di una vacanza vera e propria, con il divertimento.

Per non parlare dei benefici per la propria salute. Quindi, è necessario fare una netta distinzione tra coloro i quali intendono la vacanza come periodo di ozio e pigrizia e tutti gli altri che vedono la vacanza come un qualcosa di più dinamico, da trasformare in un periodo indimenticabile. Il cicloturismo è ideale proprio per quest’ultima categoria.

Il cicloturismo rappresenta la nuova frontiera dei viaggi

Infatti, sia per chi ama il mare, che per gli amanti della frizzante aria montana, il problema non si pone: la vacanza in bici con la propria famiglia è proprio quello che ci vuole per ammirare paesaggi incantevoli, rilassarsi, divertirsi, mantenersi in forma e ritrovare quella particolare sensazione di libertà assoluta che tanto giova al proprio spirito.

Ma, non è pericoloso per i più piccoli?

Basta salire in sella alla propria amata bicicletta, scegliere una delle tantissime mete che permettono di girare liberamente e in tutta sicurezza in apposite e ben studiate piste ciclabili (percorsi ad hoc per permettere sia a chi è più allenato, sia a chi invece non lo è, che ai bambini, di visitare tutto quello che di più bello un posto ha da offrire) e il gioco è fatto.

E poi? Basta pedalare e guardarsi intorno!

Vacanze in bici con la famiglia: salute al top e tanto divertimento per i bambini

Avete mai visto un bambino andare in bicicletta con il broncio? Sicuramente no!

Questo perché la bicicletta riesce a regalare ai più piccini (questo vale anche per gli adulti) una piacevole spensieratezza. Poi, è il primo mezzo di trasporto per i più piccoli e questo significa che la bici riesce a farli sentire indipendenti. Mescolando il gioco con queste due piacevoli sensazioni, non sarà difficile coinvolgere i propri figli in una spettacolare vacanza in bici.

Una vacanza che al divertimento, come anticipato, collega direttamente tantissimi benefici per la salute: articolazioni sempre più allenate e forti, sistema immunitario e cardio vascolare che diventano più forti, capacità respiratoria portata a maggiori livelli e tanto altro ancora. Inoltre, l’autostima per i piccoli cresce a dismisura, così come il senso di responsabilità.

Esiste un modo per far divertire i bambini e i genitori insieme in una vacanza 100% green?

Si, il cicloturismo.

Forse, l’unico accorgimento da prendere, ovviamente dopo aver considerato ogni aspetto della sicurezza del mezzo di trasporto, è quello relativo alle soste. Pedalare in compagnia, spensierati e immersi nella bella natura, ammirando quanto di bello riesce a regalare può essere stancante.

Non dimenticate mai di inserire delle soste lungo il percorso: una bella pausa è proprio quello che ci vuole per ricaricare le batterie e procedere con una ritrovata grinta. Scendere dalla bici, far giocare i bambini, ovvero percorrere a piedi brevi tratti per visitare un preciso luogo di interesse (un’area particolare di un parco naturale, un castello o qualsiasi altra cosa) è il giusto modo per tenere sempre a bada la noia e per essere sicuri di non perdere neanche un minimo elemento, un caratteristico dettaglio, della zona che si intende visitare.

Secondo voi una vacanza in bici con la famiglia non è il giusto modo per trascorrere dei giorni di puro piacere? Non è la mossa giusta per accendere la curiosità dei bambini? Non vi resta che provare a percorrere tanti chilometri con la macchina, ma il risultato sarà sicuramente disastroso.

Più il bambino si sentirà libero, più non smetterà di pedalare verso nuovi orizzonti, spinto da una curiosità sempre maggiore. Quindi, una rapida controllata dal percorso, una sosta ai box per controllare ogni dettaglio del mezzo di trasporto e via, si parte!

Una vacanza in bici nel Parco del Cerrano

Tra le principali mete per una vacanza in bici con la famiglia non poteva mancare questa importante e bellissima area marina protetta.

Un luogo da gustarsi pedalata dopo pedalata, magari mantenendo un ritmo lento, proprio per essere sicuri di riuscire a scrutare tra la selvaggia natura gli scorci più suggestivi.

Un itinerario ben preciso che da Silvi Marina porta a Scerne, passando per Torre del Cerrano e Pineto. Ci troviamo in un’area marina protetta che si estende per più di 7 chilometri lungo la costa e per circa 3 miglia nel mare. Ammirare questo spettacolare ambiente marino, dove la vegetazione ricopre come una delicata mantellina tutta il territorio e dove lunga è la lista degli animali che è possibile incontrare, pedalando in tutta tranquillità, è una piacevole esperienza da fare assolutamente.

Pineto, la spiaggia e la Torre di Cerrano (foto Luca Aless CC BY-SA 4.0)

Prima abbiamo parlato di soste da effettuare lungo il tragitto: le visite guidate e le diverse attività didattiche previste nel parco permettono di riposare, ma senza mai abbandonare la curiosità. All’interno del parco si trova anche la Torre, una delle più antiche di tutta la costa, che serviva per l’avvistamento delle navi saracene del Regno di Napoli. Al suo interno si trova il Museo del Mare, tappa non saltare assolutamente.

Il Parco Marino del Cerrano è uno dei più grandi di tutto l’Abruzzo e si presenta come un specchio d’acqua protetto e meraviglioso dove il mare è il protagonista indiscusso. Tanti sono i simboli della storia di questo luogo incantevole, da visitare uno dopo l’altro lungo un percorso che riesce a coinvolgere davvero tutti, dai più grandi ai più piccini.

Un panorama che spazia dalla catena appenninica alla costa settentrionale abruzzese, nel quale si inseriscono dolcemente, come luminose stelle di un cielo di infinita bellezza, i piccoli borghi dall’antica storia.

Una fantastica pedalata nel Parco Costiero del Ponente Ligure

Questo percorso adatto al cicloturismo è studiato nel dettaglio, per garantire il massimo in termini di sicurezza anche per i bambini. Un itinerario perfetto per una vacanza in bici con la famiglia: un tracciato facile e senza particolari tratti ripidi, che offre la grande possibilità di ammirare panorami incantevoli sul Mar Ligure.

Si pedala lungo l’antico tracciato della ferrovia e questo è il luogo perfetto dove fare i primi esperimenti su due ruote per verificare la risposta dei più piccini all’input di una vacanza in bicicletta. Questo perché, come detto, ogni metro della ciclabile si sviluppa lungo una carreggiata riservata e tantissimi sono i punti dove poter effettuare una piacevole sosta tra aree relax e parchi gioco. Nulla è stato lasciato al caso, tutto è perfetto per una meravigliosa pedalata.

Si parte dal piccolo borgo si San Lorenzo al Mare (bellissime sono le spiagge libere di questa zona) per giungere al vecchio casello ferroviario del Comune di Cipressa e poi arrivare a Santo Stefano al mare. Piccoli centri abitati dove regna la tranquillità, mare, campi coltivati e piccoli torrenti: il percorso abbraccia davvero tante meraviglie, passando anche attraverso una spettacolare galleria di 2 chilometri che giunge ad Ospedaletti. Una sorta di museo che descrive dettagliatamente la storia della Milano-Sanremo e di ogni suo protagonista. Un paradiso per gli amanti del ciclismo.

Da Ospedaletti si prosegue alla volta di Ventimiglia attraverso l’incantevole Sentiero costiero dei Balzi Rossi e delle omonime grotte. Le grotte, la bella spiaggia poco distante e il Museo Antropologico sono i punti forti di una piacevole gita con tutta la famiglia.

Balzi Rossi, le grotte (foto Lemons GFDL Free Documentations)

Quando si parla della Liguria si pensa sempre ad una regione che offre da un lato la possibilità di regalare agli occhi spettacoli unici dal punto di vista paesaggistico; dall’altro le tante difficoltà (la pianura non è l’elemento che descrive al meglio la regione) per visitare i punti più belli del territorio. Ecco, non è sempre così!

Una vacanza in bici lungo la Ciclabile del Nera

Tutti in sella per scoprire le meraviglie di una regione dal grande cuore verde: l’Umbria.

Lungo il Fiume Nera è possibile pedalare per circa 12 chilometri, in totale sicurezza, tra scorci incantevoli. Uno scenario fiabesco si apre dinanzi ai propri occhi: dalla campagna umbra si passa ai solchi scavati dal fiume Nera, passando tra rocce e la fitta vegetazione. L’unico pericolo è quello di essere investiti da una straordinaria sensazione di energia pura, proprio come quella della natura che qui si manifesta in forme e colori davvero incredibili.

Si parte dalle gole del Nera, si passa per il caratteristico borgo di Stifone, con i suoi particolari edifici in pietra viva, per giungere nella bella Narni dalle grandi mura in tufo. Sembra quasi ripercorrere il tragitto fatto dal protagonista del Signore degli Anelli, ma questa volta è tutto reale e tale paesaggio incantevole si trova nel bel mezzo della nostra penisola.

È inutile spendere altre parole per provare a descrivere questo bellissimo itinerario, ma l’unica cosa da fare è recarsi qui e pedalare lungo i sentieri di questo magico mondo.

 

Dettagli Mariano Cheli

..."sentirsi liberi attraverso le parole"... Studente in giurisprudenza amante della scrittura. Adoro giocare con le parole e amo informarmi e scrivere in merito a svariati argomenti. Inoltre, amo il mio Paese e giorno dopo giorno cerco di conoscerlo sempre più a fondo e, attraverso la scrittura e il web, presentarlo a quante più persone possibili, sotto molteplici sfaccettature.