La Corsa all’Anello di Narni: perchè è una festa così sentita dagli umbri ed amata dai turisti.



L’Umbria è una delle regioni d’Italia che può vantare un passato storico di grandissimo rilievo. Come tale ci tiene a mantenere un filo rosso col suo glorioso passato, e lo fa con l’organizzazione di una davvero ricca serie di eventi che si ripetono ogni anno, che si tramandano di generazione in generazione con certosino rigore e intramontabile successo: la Corsa all’Anello di Narni e’ uno di questi.

Se cercate la giusta occasione per rivivere le emozioni e sensazioni di un Medioevo giocoso e straripante di colori, dal 24 Aprile all’11 maggio la festa di Narni è quello che fa al caso vostro!
Ci sono feste e feste. La festa di Narni in Umbria nelle sue quasi tre settimane di vita all’anno è un evento che non può mancare nella lista degli appuntamenti irrinunciabili di qualsiasi giovane che si rispetti!!!


Difficile spiegare a parole quello che significa la festa: la Corsa all’Anello ogni anno catalizza l’attenzione di turisti di tutto il mondo: sfilate , cortei storici, rievocazioni, per giungere al gran finale, con il rituale, tanto atteso e spettacolare giorno della Corsa all’Anello: cavalli e cavalieri si sfidano a singolar tenzone sotto l’occhio di damigelle vestite a festa nei loro sgargianti e colorati abiti fatti con tessuti preziosi.

Però, a dire il vero, quello che veramente rende unica questa festa è l’atmosfera, un’atmosfera tutta speciale. Si respira la sera per le stradine medievali illuminate dalle fiaccole un’aria che la stessa Narni non ha le altre cinquanta settimane dell’anno.

Sarà che la Festa coincide con l’arrivo della primavera…quella leggera brezza delle notti di maggio: non c’è miglior modo di festeggiare l’arrivo della bella stagione!

Solo chi c’è stato può capire di cosa sto parlando, e sa che non sto delirando! Senza girarci troppo intorno, quello che veramente piace, ai giovani come me in primo luogo, è il clima gioioso che solo le mitiche taverne, anzi le osterie come le chiamano i narnesi d.o.c., possono offrire.

Tipiche pietanze che fanno parte della gastronomia locale servite in piatti di coccio, proprio come nel medioevo: i gistosi manfricoli, per chi ama i primi, o le succulente carni, per non parlare dei dolci fatti con ricette di tradizione secolare, il tutto innaffiato da fiumi e fiumi di vino.

Inutile negare che l’euforia generale sia fortemente incentivata dall’elevato tasso alcoolico presente tra i commensali. Infiniti brindisi all’ultima goccia in tavolate dove il festoso chiasso e il fragoroso suono di risate e canti goliardici sono un sottofondo costante…

Costante come il profumo che proviene dai forni ,il suono dei tamburi, la spensieratezza dei giovani che vanno in giro a scherzare e a chiacchierare fino a notte fonda.

Non importa se sei di un terziere o di un altro, se tifi per l’uno o per l’altro, l’importante è il piacere di stare insieme, e starci bene. Questa è Narni, questa è la Festa di Narni.

BellaUmbria segnala la Festa di Narni nel suo sito tra gli eventi principali di questo periodo. Un agriturismo in Umbria potrebbe essere la soluzione ideale per trascorrere qualche giorno in relax nel comprensorio ternano e per vivere al meglio e più da vicino la Corsa all’Anello di Narni.