Cosa Vedere a Tropea, la perla del mediterraneo.

Cosa Vedere a Tropea, la perla del mediterraneo.


La parte antica della città si trova su di una terrazza che domina la costa, dall’alto dei suoi trenta/quaranta metri di altezza.

Di fronte ad essa, sorge un isolotto, con il santuario di Santa Maria, che un tempo era un monastero benedettino, ricostruito poi in epoca gotica. Lo si può raggiungere utilizzando la ripida scalinata ricavata nella stessa roccia dell’isolotto, e una volta giunti in cima, si potrà ammirare una panoramica molto suggestiva dell’intera costa.

Un luogo misterioso, arroccato su scogliere a picco sul mare: ecco cosa vedere nell’incantevole Tropea

TropeaTropea, cittadina bellissima che si affaccia sulle acque del Mar Tirreno, è una meta turistica molto apprezzata dagli italiani e non solo. Mare, cultura, tradizioni, cucina tipica capace di far impazzire le papille gustative e tanto altro ancora, tutto in un solo luogo.

Giunti a Tropea, la reazione è sempre la stessa: occhi spalancati e bocca aperta. Una cittadina arroccata su bianche scogliere a picco sul mare: una vera e propria perla di inestimabile valore. Una scogliera che si eleva per circa 30 metri sul livello del mare, meta ambita delle popolazioni del passato, proprio perché rappresentava una naturale difesa e punto perfetto per scrutare l’orizzonte. Oggi Tropea è punto di riferimento del turismo calabrese.

Tropea ha origini molto antiche, che spaziano tra miti e leggende, che la rendono ancor più affascinante. Una città di antica eleganza, la cui raffinatezza è data proprio dal limpido mare blu che dolcemente la bagna.

Due sono le leggende che stanno alla base della nascita della bella Tropea:

  • la prima narra che sia stato Ercole a fondare questa splendida città, dopo aver liberato l’intera regione dai giganti, alla ricerca del Vello d’oro;
  • la seconda, invece, vede Scipione l’Africano come fondatore.

Comunque sia andata, è proprio il folklore uno dei motivi principali che ha reso Tropea una meta tanto ambita: tradizioni antiche che oggi si fondono con l’aspetto più moderno di un turismo di massa, ma che insieme creano la giusta armonia, la perfetta atmosfera per un soggiorno davvero straordinario. A tal proposito, è d’obbligo menzionare, tra le cose da fare a Tropea, alcuni tra gli eventi più belli in assoluto: la Sagra del pesce azzurro e della cipolla rossa, che sono i prodotti locali più rinomati; la festa della Madonna dell’Isola il 15 agosto, con la processione in mare della sacra statua e la festa delle Tre Cruci, che è una festa pagana che riprende i tratti salienti della storia della città e che prevede una bellissima gara di fuochi pirotecnici proprio sul mare.

Cosa vedere a Tropea: un “antico” paradiso naturale

Tropea è uno dei luoghi più suggestivi di tutta la Costa degli Dei, una vera e propria terrazza naturale da dove ammirare l’immensa bellezza di un mare incantevole. Un luogo dove la natura e l’architettura, che riprende antiche forme, si fondono perfettamente tra loro: ecco perché è chiamata la “Perla del Tirreno”.

Una meta perfetta per rilassarsi coccolati dalla natura e per divertirsi nelle feste popolari dalle forti tradizioni.

Le spiagge di Tropea

Le spiagge di Tropea sono tra le più belle della costa tirrenica calabrese

Uno dei principali motivi per cui visitare Tropea è proprio il mare cristallino, che bagna alcune delle spiagge più belle dell’intera penisola italiana. Tra le spiagge più suggestive ritroviamo il Litorale del Cannone (meno affollata e dove ci si può rilassare coccolati dai dolci suoni della natura), l’Arenile della Rotonda (circondata da scogli e da dove si può ammirare il suggestivo centro storico), la Spiaggia Marina dell’Isola (di finissima sabbia bianca), la Spiaggia Passo Cavalieri (è questa la spiaggia più amata dagli amanti delle immersioni, che rappresenta il punto perfetto dal quale partire per immersioni spettacolari in fondali mozzafiato) e la Spiaggia l’Occhiale (la più piccola, composta da un insieme di calette romantiche, da dove è possibile raggiungere la meravigliosa Grotta Azzurra).

Il caratteristico centro storico

parte del centro storico di Tropea

Avete intenzione di trascorrere una vacanza all’insegna del romanticismo? Allora, Tropea è il luogo adatto. Il suo bellissimo centro storico, dove regna un’atmosfera tranquilla, capace di trasportare il visitatore in tempi lontani, vi incanterà. Piccole stradine che si diramano tra i bellissimi palazzi nobiliari del ‘700, tutti arroccati su quella parte di costa, che ha reso Tropea unica.

Piazza Ercole è il cuore pulsante di tutta la città: negozi e piccole botteghe di artigiani locali si alternano a rinomati ristoranti dove gustare le prelibatezze locali e altri luoghi di svago ove rilassarsi godendo di una vista straordinaria.

Da visitare sono il Palazzo Toraldo, un tempo roccaforte, oggi sede di una preziosa collezione archeologica e la bellissima villa patrizia Braghò.

A far da cornice a questo quadro dipinto con tenui e vecchi colori c’è il maestoso Duomo in stile normanno del IV secolo e la scalinata che porta all’edificio simbolo di Tropea: Santa Maria dell’Isola, che dall’alto domina il mare.

Nel centro storico si può ammirare la bellissima Cattedrale, in stile normanno, della seconda metà del secolo XI, che è il più importante luogo di culto cittadino, con al suo interno numerose opere d’arte, tra cui, nella sala Capitolare, una raccolta di ritratti di tutti i vescovi che si sono succeduti a Tropea dal 499 in poi.

C’è poi la Chiesa di San Pietro Ripas, con un oratorio risalente al 1300, la Chiesa di San Demetrio con all’interno affreschi risalenti al XIV secolo, ed ancora la Chiesa di Santa Maria della Sanità, che ospita sull’altare centrale un dipinto raffigurante la Madonna risalente al 1600, la Chiesa di San Giacomo e la Chiesa del Gesù.

Molto interessante è passeggiare tra i vicoli del centro storico, dove si possono trovare numerose botteghe di artigiani specializzati nel legno, nel ferro, nella terracotta. Oppure le tante piccole botteghe dove si possono acquistare i vari prodotti tipici locali, come il vino, l’olio, i dolci, i salami piccanti e le famose cipolle rosse di Tropea.

Sono numerosi anche i locali e le discoteche dove poter ballare, cenare, o bere un cocktail in compagnia.

Cosa fare a Tropea: gite in barca, degustazioni, immersioni e…

Tropea sorge su di un tratto di costa a dir poco incantevole: sono tantissime le escursioni che si possono fare (anche veri e propri tour in bicicletta), per visitare luoghi straordinari, dove la storia viene raccontata dalla rigogliosa natura e le tradizioni sussurrate dal vento.

Una città che dal mare trae la sua forza e nel quale si specchia in tutta la sua bellezza. Un mare nel quale nuotare ed immergersi, alla scoperta di fondali meravigliosi. Sono tantissime le strutture che permettono di noleggiare le migliori attrezzature per immersione e snorkeling, proprio per dare al turista la possibilità di ammirare meraviglie naturali che non si trovano in altri luoghi.

spettacolari fondali da ammirare con emozionanti immersioni

Un mare da solcare in lungo e in largo: tantissime le gite in barca (anche di notte) che proprio dalle spiagge si Tropea si dirigono versi altri punti della vicina costa, dove è possibile arricchire gli occhi con la visione di grotte e sublimi paesaggi.

A Tropea inoltre, è possibile anche approfittare di un singolare servizio: dal porto turistico infatti, partono ogni giorno diverse imbarcazioni che accompagnano in un fantastico giro tra le più belle isole delle Eolie.

E poi? Fermarsi, a fine giornata, in uno dei tantissimi ristoranti e gustare i migliori piatti della tradizione locale. Pesce freschissimo, accompagnato da pietanze dal sapore più forte, tipiche della tradizione calabrese, e dall’immancabile e dolce cipolla rossa di Tropea.

Una piccola città dal grande cuore: il visitatore, in questi luoghi, è sacro. L’ospitalità si mostra nelle sue più grandi e nobili forme, per regalare al turista momenti di puro relax e infinito piacere.

La Cipolla Rossa di Tropea

Cipolla di TropeaNon la digerisco facilmente, è troppo forte, emana cattivo odore.

Quanti difetti si ascrivono alla cipolla, che però, a ben vedere, rimane essenziale e insostituibile nella cucina nostrana.
Focacce e torte di cipolla, soffritti, insalate…chi più ne ha più ne metta.

A Tropea con la cipolla si fa anche il gelato e la marmellata.

E sì, perché la rossa di Tropea è una cipolla dalle qualità organolettiche particolari, un prodotto che per la sua specialità è protetta da marchio IGP  (Cipolla Rossa di Tropea – Calabria I.G.P.). Particolarmente dolce, il suo gusto delicato deriva dalla presenza di zuccheri come saccarosio e fruttosio, in maggior quantità rispetto alle altre cipolle.

Alla rossa è dedicata annualmente una sagra molto attesa , verso la fine  luglio: “Sagra della cipolla rossa di Tropea e del pesce azzurro”.

La “celebrazione” della rossa, vede la bella cittadina calabrese di Tropea colmarsi di gente curiosa, pronta ad assaggiare le mille meraviglie culinarie di questo prodotto che potremmo definire eclettico.
Le aziende espongono i propri prodotti artigianali, in cui la cipolla è preparata con ricette tipiche tradizionali; una tradizione che si radica in una storia culinaria antichissima, basti pensare che la cipolla di Tropea era importata persino dai Fenici.



Dettagli Mariano Cheli

..."sentirsi liberi attraverso le parole"... Studente in giurisprudenza amante della scrittura. Adoro giocare con le parole e amo informarmi e scrivere in merito a svariati argomenti. Inoltre, amo il mio Paese e giorno dopo giorno cerco di conoscerlo sempre più a fondo e, attraverso la scrittura e il web, presentarlo a quante più persone possibili, sotto molteplici sfaccettature.