Vacanze ad Olbia



Olbia_vista_porto

Olbia vista porto

Foto CC BY-SA di Matthieu Faure

 

Non importa come ci si arrivi: sia che si utilizzi la nave o l’aereo, quando per la prima volta, ma anche per le vacanze abituali, si arriva nel Golfo di Olbia si resta incantati dai colori del cielo, dalle acque trasparenti e cristalline e dai profumi avvolgenti ed intensi di quest’isola.

Quando si parla di Sardegna, il Golfo di Olbia è il luogo più ricercato per raggiungere l’isola dalla “terraferma” del continente. Merito del frequentatissimo aeroporto “Costa Smeralda” e dei due porti di attracco di Olbia e Golfo Aranci. Il Golfo di Olbia non si limita però ad essere un importante snodo, ma è anche e soprattutto un tratto di costa ricco di tesori sia naturalistici che culturali.

Le meravigliose spiagge di sabbia bianca e i suoi fondali lentamente digradanti, le suggestive scogliere che si affacciano a picco sul mare color smeraldo, le calette celate dove si incuneano piccoli lidi tra le rocce di tanti colori, le località turistiche famose e vivaci che regalano vacanze dove non è impossibile annoiarsi. I siti archeologici che raccontano il passato, i borghi appartati e poco noti ma pittoreschi ed affascinanti.

A Nord di Olbia si estende la famosissima Costa Smeralda con il suo arcipelago della Maddalena e con le sue acque trasparenti ed a Sud del golfo ecco l’Area Marina Protetta di Tavolara-Punta Coda Cavallo, che custodisce un ecosistema preziosissimo dove sorgono splendenti l’Isola di Tavolara, con un paesaggio aspro e calcareo con fondali meravigliosi, e l’Isola di Molara con le sue Piscine trasparenti.

Dal Promontorio di Capo Coda Cavallo, coperto da una rigogliosa macchia mediterranea, si può vedere un panorama fantastico, mozzafiato che da l’impressione di poter toccare le isole dell’arcipelago.
Ad Olbia è imperdibile una passeggiata nel suo centro storico, dove si può sorseggiare un aperitivo nella Piazzetta di San Teodoro, dove si possono visitare i nuraghi di Loiri-Porto San Paolo e dove non si può perdere una cena in riva a mare gustando il freschissimo pesce locale.

Meritevoli di visita sono le chiese storiche della città come Basilica di San Simp0licio, la Chiesa di San Paolo realizzata in stile barocco con una cupola in maiolica e che custodisce al suo interno delle opere di Alberto Sanna.
E poi troviamo le chiese campestri di San Vittore, la chiesa di Nostra Signora di Cabu Abbas, la Chiesa di Santa Lucia, la Chiesa dello Spirito Santo, la chiesa di Sant’Angelo, la chiesa di Santa Mariedda.
E ancora, per quel che concerne le chiese più moderne, la chiesa della Sacra Famiglia, la chiesa della Madonna de La Salette, la chiesa di Sant’Antonio, la Chiesa di Poltu Quadu.

Olbia_aqueduc

Olbia acquedotto

Foto CC BY-SA di Michel Royon

Oltre ad edifici religiosi ad Olbia troviamo altre costruzioni molto interessanti come il Palazzo Colonna, , che si trova in Corso Umberto, il Palazzo Comunale, la Palazzina dell’Asilo tutti edifici risalenti edificati nei primi anni del Novecento in stile liberty e poi il Teatro Michelucci.
Nei dintorni di Olbia si possono visitare il Castello di Pedres, il Castello Sa Paulazza, il Pozzo sacro nuragico, l’acquedotto romano.

Tra le spiagge troviamo:
Marina di Murta Maria, Li Cuncheddi, Porto Istana, Porto San Paolo, Porto Taverna, Costa Dorata, Punta Molara, Cala Girgolu, Lu Impostu, Cala Brandinchi, La Cinta, Isuledda, Cala di Budoni, Pontittu Ruju, Su Tiriarzu, La Caletta, Santa Lucia.
Ciò che colpisce ad Olbia, oltre ovviamente il paesaggio, è la sua cultura e la sua mentalità aperta, merito dei continui scambi con la penisola e con la Corsica. e alle continue visite dei “non isolani”.

Durante primavera ed estate Olbia diventa un palcoscenico dove si susseguono eventi mondani, ricorrenze, celebrazioni religiose, e feste. In questo periodo in particolare festeggiamenti sia pagani che religiosi caratterizzano le feste Olbiesi e tutte le festività culminano con balli e canti tipici della tradizione.
Tradizione che non si smentisce neppure dal punto di vista gastronomico con prelibatezze che vanno dalla carne, al pesce, ai formaggi.

Tra i piatti tipici troviamo il capretto al mirto, la zuppa cuata, la zuppa gallurese e la mazza frissa, le seadas o le tiliccas.
La cucina Olbiese è una cucina che punta sulla semplicità.
Trai piatti di mare troviamo i ricci, la bottarga, le Ortiadas le Cozze cucinate in diverso modo: gratinate, crude, bollite, e poi le spigole, le orate, le zuppe di pesce le cicale, le aragoste.
Il tutto accompagnato da vini prodotti dai vitigni olbiesi e nei dintorni di Monti, Tempio e Berchidda.

Come arrivare

Per merito della sua posizione strategica, Olbia è facilmente raggiungibile dal cielo e dal mare.

In aereo
L’aeroporto

L’aeroporto Costa Smeralda è l’unico del Nord-Est Sardegna.
Recentemente ristrutturato, ospita al suo interno il nuovo Corso di Laurea in Economia e Imprese del Turismo, rappresentando un esempio concreto di integrazione tra la realtà imprenditoriale e l’Università, al fine di favorire e creare cultura, impresa e sviluppo.
Dal nostro aeroporto è possibile raggiungere diverse destinazioni nazionali ed europee.

Maggiori informazioni su itinerari, orari, costi e prenotazioni

Meridiana S.p.A
Aeroporto Costa Smeralda
07026 Olbia (SS)
Centralino +39 0789 52600
Call Center prenotazioni 892 928
(+39 0789 52682 dall’estero).
callcenter@meridiana.it (Per informazioni relative a vendite e rimborsi di biglietti)
www.meridiana.it (Consultazione orari, voli, biglietti).

Olbia_San_Simplicio

Olbia San Simplicio

Foto CC BY-SA di Lupo

Aeroporto Olbia Costa Smeralda
07026 Olbia (SS)
Ufficio informazioni: +39 0789 563444

Geasar SpA
Società di gestione dell’Aeroporto Olbia Costa Smeralda
Telefono +39 0789 563400
Fax +39 0789 563401
e-mail: info@geasar.it
web www.geasar.it

Arrivare in nave

Il Porto
Noto per essere la principale porta di accesso alla Costa Smeralda, è uno dei più importanti scali passeggeri italiani, con tre milioni di presenze l’anno.

Si divide in tre aree:
– il Pontile Isola Bianca, che grazie alle sue otto banchine riesce a smaltire fino a 17.000 passeggeri al giorno. Ha una stazione terminal all’avanguardia, con un’ampia sala d’attesa per l’imbarco, un ristorante, un bar, uffici decentrati di vari Enti ed Amministrazioni ed servizio di guardia medica.
– Il Porto Interno, destinato prevalentemente alle piccole navi da crociera e alla nautica da diporto.
– Il Porto di Cocciani, adibito al traffico merci e alla cantieristica navale.

Maggiori informazioni su itinerari, orari, costi e prenotazioni

Tirrenia Spa
Stazione Marittima Isola Bianca
07026 Olbia SS
Tel. +39 (0)789 207100
Call center 892.123 (+39.081.0171998) chiamate dall’estero o da cellulari
Web: www.tirrenia.it (Prenotazione biglietto on line)

Moby Spa
Stazione Marittima Isola Bianca
07026 Olbia SS
Tel. +39 (0)789 27927
Fax +39 (0)789 27933
Call center 199.30.30.40
e-mail: info@moby.it
web: www.moby.it (Prenotazione biglietto on line)