Venezia e il suo Carnevale

Venezia e il suo Carnevale


Ogni anno  Venezia si spoglia del  buio invernale, della sua tipica, bellissima aria nostalgica e scoppia di vita.

Durante il Carnevale questa città che si specchia nell’acqua si riempie di una folla mascherata che si pavoneggia, si mette in posa, che balla, che si immedesima, che si trasforma che si diverte.

Carnevale di Venezia

Guardando i ritratti di vita veneziana del 18 ° secolo nelle opere di Pietro Longhi e Gabriele Bella che si trovano nella galleria Querini Stampalia ( querinistampalia.it ) o nel museo di Ca ‘Rezzonico ( visitmuve.it ) si scopre che ciò che vediamo oggi  è esattamente ciò che vedeva Venezia tanto tempo fa.

Il Carnevale di Venezia è il più amato, il più elegante, il più bel carnevale d’Italia, ma non è per tutti. Venezia in questo periodo è molto affollata ed i prezzi di alberghi e ristoranti tendono, ovviamente, a salire.

Ma è un’occasione unica , e un grande momento per vedere la città in una nuova ed emozionante luce: la luce del Carnevale.

Ma quando è meglio andare al Carnevale di Venezia?

In verità, quelli che arrivano a metà settimana durante la prima settimana del Carnevale potrebbe chiedersi dov’è tutto questo trambusto: oltre alla pista di pattinaggio in Campo San Polo ci sono una manciata di eventi.

Se volete vedere il meglio dovete optare per per il fine settimana e per  il week-end finale in particolare.

Venezia

Venezia Foto CC BY di Errabee

Ogni anno Piazza San Marco è il fulcro delle attività di Carnevale , ed è lì che si trovano i costumi più straordinari.

Canal_Grande_Chiesa_della_Salute_e_Dogana_dal_ponte_dell_Accademia

Canal Grande, Venezia Foto CC BY di Moroder

Carnevale : una storia di maschere

Non ha molto senso nel vivere il Carnevale come una mero spettatore senza maschera.

I negozi di maschere a Venezia non mancano.

Potrete scegliere tra maschere e costumi stupendi da Ca ‘ Macana ( Calle delle Botteghe 3172 , Dorsoduro 0039 041 277 6142 ; camacana.com ) , da Tragicomica ( Calle dei Nomboli 2800, San Polo , 0039 041 721 102 ; tragicomica.it ) o da cartapesta ( Calle Lunga Santa Maria Formosa 5174B , Castello , 0039 041 522 9995 ; papiermache.it ) . Questi artigiani producono alcune creazioni tradizionali, ricordate che  veneziani amano la massima semplicità : il classico Volto bianco.

Per essere mascherati e non sentirsi un pesce fuor d’acqua a Venezia (ma non potevo trovare paragone più appropriato!!!!) potete dunque optare per la classica maschera dal volto bianco (che poi appenderete ad una parete di casa vostra come souvenir del viaggio) e del classico mantello voluminoso che i veneziani si tengono addosso contro il gelo: il tabarro.

Può essere aquistato da Monica ( Calle Scaleter 2235 , San Polo , 0039 041 524 6242 ; monicadaniele.com ).

Chi vuole invece esagerare può rivolgersi all’ Atelier Pietro Longhi ( Ramo Secondo Saoner 2671 , San Polo , 0039 041 714 478 ; pietrolonghi.com ) che affitta e vende costumi storici , dai più semplici a quelli più complessi. Banco Lotto N ° 10 ( Salizada Sant’Antonin 3478B , Castello , 0039 041 522 1439 ; ilcerchiovenezia.it ) vende bellissime riproduzioni di costumi storici realizzati dai detenuti del carcere femminile di Venezia.

La propensione di Venezia di nascondersi dietro le maschere è leggendaria. Nel 13 ° secolo fu approvata una legge che vietava le maschere durante la quotidianità. Norme successive resero illegale fare visite mascherati a conventi , o  indossare maschere durante le numerose feste religiose.

Alla fine è più facile stabilire quando le maschere sono ammesse: durante il periodo Carnevale ( da carnem e vale , latino per ” carne ” e ” addio ” : un riferimento al divieto della Chiesa di mangiare carne durante la Quaresima ) .

Oltre che il Carnevale di Venezia, la Regione Veneto offre una serie di alternative , tra cui un magnifico corteo di carri allegorici a Treviso nel weekend finale Carnevale , e il carnevale di Verona , che lo ha celebrato ininterrottamente dal 1531. Il Venerdì prima di Martedì Grasso , un grande grasso “re” sfila per la strada con uno gnocco impalato sul suo scettro , alla testa di un corteo di carri allegorici e dei cittadini in costume.
Perché andare a Venezia ?

I visitatori si accumulano nel centro storico di Venezia  e ci sono giorni in cui i turisti sono più numerosi dei locali  ma la città non perde la sua capacità di incantare, Carnevale o non…

Carnevale a tema

Ogni anno Venezia ci regala un Carnevale a tema e, ad esempio per il 2014, si è optato per il fantastico, per il fiabesco, per la fantasia. Un Carnevale che in quell’anno ha incorporato le tante e diverse culture, ognuna ha con sé un patrimonio fiabesco. Il tema di questo carnevale ha voluto essere un pò una metafora e ha voluto rappresentare quelli che sono i rapporti tra uomo ed ambiente.

Venezia si è colorata quindi di questa nuova luce caratterizzata da simboli, creature mostruose e da creature affascinanti  che abitano i boschi e i fondali del mare.

Nel 2008 Il Corteo delle Marie ha inaugurato ufficialmente il Carnevale di Venezia. Ed è stato solo il primo appuntamento di una lunga serie di tradizioni che vengono rigorosamente rispettate ogni anno: il Volo dell’Angelo – che nel 2008 ha visto come protagonista il rapper Coolio vestito da Moschino -, il Gran Corteo Storico e la Festa delle Marie con dodici splendide ragazze in costume. E poi trasformismo, maschere e musica nell’intera laguna.

Sensation 2008 è stato l’opening party dalle 24 all’alba, al Padiglione Italia dei Giardini della Biennale, con sei piste da ballo e venti deejay provenienti da tutto il mondo.

Oltre che nei sei sestieri del centro storico abbinati a ciascuno dei nostri cinque sensi, il programma prevedeva e prevede ogni anno iniziative in tutta la provincia. Tra le novità del 2008, citiamo il Carnevale al buio, percorso tattile guidato da non-vedenti il cui ricavato è stato devoluto in beneficenza. E ancora, la premiazione in Piazza San Marco della maschera più bella. In premio, per il fortunato vincitore dell’edizione 2008, una crociera di otto giorni.

Questo Carnevale è stato definito come un Carnevale della svolta che ha rotto in parte gli schemi del passato. Una festa pensata e dedicata soprattutto a un pubblico giovane. E un ulteriore conferma aggiunge proprio da una rete televisiva giovane: quotidianamente All Music ha seguito il Carnevale in diretta.

Come arrivare a Venezia 

Ci sono molti modi per raggiungere Venezia. La città è servita direttamente dalla ferrovia, dall’aeroporto e dal porto turistico. E’ anche terminal di autolinee pubbliche regionali e inter-regionali, ed infine terminal automobilistico.

Raggiungere Venezia in aereo

L’aeroporto Marco Polo di Tessera si trova a circa venti chilometri di distanza dal centro storico di Venezia a cui è collegato dalla linea dell’autobus n. 5 (accessibile alle carrozzine).

Con la linea dell’autobus n. 15 (anch’esso accessibile) è invece possibile raggiungere il centro di Mestre.

L’unico collegamento via mare tra l’aeroporto e il centro storico di Venezia, è attualmente effettuato con motoscafi Alilaguna.

All”aeroporto è disponibile un parcheggio a più piani, gratuito per persone disabili in possesso di tagliando arancione ed è possibile poi utilizzare l’ascensore in alternativa alle scale mobili.

Venezia_carnevale

Carnevale Venezia Foto CC BY di Wanblee

L’assistenza ai passeggeri con disabilità è fornita dal gestore aeroportuale e deve essere richiesta al momento dell’acquisto del biglietto e non più tardi delle 48 ore precedenti la partenza. Non è possibile prenotare il servizio direttamente all’aeroporto.

Raggiungere Venezia in treno

Le stazioni ferroviarie di Venezia sono due:
quella di Mestre e quella di Venezia Santa Lucia.

Il punto di riferimento per tutte le esigenze di viaggio dei clienti con disabilità è costituito dalle Sale Blu  che organizzano il servizio di assistenza in un circuito di 251 stazioni abilitate.
Il numero di telefono della Sala Blu delle stazioni di Venezia Santa Lucia e Venezia Mestre risponde al numero 041. 78 55 70 dalle ore 7.00 alle ore 21.00.
Raggiungere Venezia in auto
Chi volesse raggiungere Venezia in machine può parcheggiare a Piazzale Roma:

– nell’ Autorimessa comunale AVM Spa Venezia
Piazzale Roma 496 tel. 041. 272 73 01.

– parcheggio sant’Andrea AVM Spa Venezia
Piazzale Roma tel. 041. 272 73 04

Stalli di sosta

A Piazzale Roma sono presenti 10 stalli di sosta contrassegnati per disabili

Altri parcheggi
– Autopark Doge – P.Park Srl
Piazzale Roma 467 tel. 041 520 24 89

– Autorimessa Toderini – Grinfan
Piazzale Roma 513 tel. 041 520 79 79

– Garage San Marco Spa
Piazzale Roma 467/F tel. 041 523 22 13

– Garage Venezia di Girardi Mauro & C. Snc
Piazzale Roma 466/G tel. 041 522 87 25

Chi volesse invece lasciare l’auto all’Isola del Tronchetto può parcheggiare all’ Interparking Italia che ha di circa 3500 posti auto coperti.
tel. 041.520 75 55.
Dal qui è possibile raggiungere il centro storico di Venezia tramite il vaporetto ACTV n. 2 o con l’autobus ACTV n. 6/ attrezzato, People Mover.All’isola del Tronchetto sono presenti 4 stalli di sosta contrassegnati per disabili

Raggiungere Venezia in nave

Chi dovesse arrivare a Venezia via mare, si troverebbe in due diverse aree del Porto Passeggeri di Venezia
Le strutture terminalistiche sono gestite da Venezia Terminal Passeggeri S.P.A.
tel. 041. 240 30 00 – web.www.vtp.it – email. vtp@it

Collegamenti con il centro storico e con la stazione ferroviaria di Santa Lucia:

– People Mover. Nei giorni di attività di sbarco/imbarco passeggeri è disponibile un servizio di shuttle bus gratuito che collega la fermata del peoplemover di Marittima con i terminal 117, 123, Isonzo 1, Isonzo 2 e viceversa.

– Trasporto acqueo Alilaguna.
– Taxi acquei.

– Area San Basilio e Santa Marta
Il Terminal di San Basilio, struttura al servizio del traffico aliscafi e delle piccole/medie navi da crociera, è un edificio ad un piano, facilmente accessibile ai passeggeri con ridotta mobilità.
Servizi per disabili
– Disponibilità sedie a rotelle (su richiesta).
– Bus navetta attrezzato con pedana reclinabile per trasporto disabili da terminal a nave e viceversa. Servizio erogato su richiesta della compagnia di navigazione.
Per ulteriori informazioni: Tel. +39 041 240 30 33/40

Collegamenti con il centro storico:
Vaporetti ACTV Linee 2, 6, N
www.comunevenezia.it

Dove alloggiare durante il Carnevale

Trovare un alloggio economico a Venezia durante il periodo di  Carnevale è un pò come pretendere di trovare parcheggio in centro nell’ora di punta: può essere un calvario .  Se volete organizzare una visita all’ultimo minuto a Venezia forse dovreste optare per Mestre, sulla terraferma adiacente alla laguna , questo non potrà mai corrispondere a Venezia per il romanticismo , ma la sistemazione è molto più economica ed i collegamenti con il centro storico della città sono frequenti e semplici per rendere Mestre un’alternativa fattibile . Altrimenti si può optare per le tranquille località balneari a nord-est della città, come Jesolo.

 

Per chi invece preferisce soggiornare comodamente nella cittadina, ecco alcune interessanti scelte tra le proposte della zona:
Clicca qui per scoprire e prenotare i migliori Hotel a Venezia